MERCATO – Touré sfuma definitivamente? L’agente: “Grazie Inter, ma Yaya resta al City perché…”

MERCATO – Touré sfuma definitivamente? L’agente: “Grazie Inter, ma Yaya resta al City perché…”

Commenta per primo!

Yaya Touré sembra sfumare definitivamente dagli obiettivi di mercato dell’Inter. L’agente del calciatore ivoriano, Dmitri Seluk, nella giornata di ieri ha parlato anche ai microfoni del Sun, sottolineando le motivazioni del rifiuto del Manchester City a lasciarlo partire. Ecco le sue parole al quotidiano britannico: “Yaya rimarrà al City per un paio di fattori. Innanzitutto perché il proprietario del club ha detto che Touré non ha prezzo, che lui fa parte del club e che ne è il cuore pulsante. Yaya, inoltre, è rimasto colpito da alcune cose che riteneva realmente importanti: il giorno del suo compleanno tanti tifosi gli hanno dimostrato affetto e lui ha capito fino in fondo quanto è ancora popolare al City. Atteggiamenti che gli hanno fatto comprendere quanto sia importante rimanere a Manchester. Se la gente pensava volevamo un nuovo contratto si sbagliava. Yaya rimarrà senza un nuovo contratto. Non era e non è mai stata una questione di soldi e Touré, naturalmente, è felice di questa situazione”.

Infine un ringraziamento per l’Inter, che ha provato in tutti i modi a convincere il giocatore e i Citizens: “Ringraziamo l’Inter perché sono stati molto gentili. Sia Mancini che il presidente Thohir volevano davvero Yaya e hanno fatto di tutto per ingaggiarlo. L’Inter ha fatto tutto correttamente e vogliamo ringraziarli per l’offerta che ci hanno fatto, un?offerta che dimostrava quanto volessero Touré e quanto lo ritenessero importante per rinforzare la loro squadra. Ma la situazione è questa”. 

Leggi anche: MERCATO – AUSILIO IN BRASILE PER UN TALENTO DEL CRUZEIRO

Leggi anche: MERCATO – SPUNTA UN NOME NUOVO PER LA DIFESA!

Vuoi essere sempre aggiornato sul calcio e su tutto il mondo dello sport? Segui LoSport24!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy