Boninsegna: “Inter, sei ad un passo dalla Champions! Ma ora servono Oriali e Badelj”

Boninsegna: “Inter, sei ad un passo dalla Champions! Ma ora servono Oriali e Badelj”

Così l’ex bomber ha parlato della situazione in casa nerazzurra

di Marco Accarino, @AccarinoMarco

Roberto Boninsegna ha parlato in esclusiva ai microfoni di GazzaMercato. Tanti i temi toccati:

DERBY – “E’ stato bello. Quando i migliori in campo son stati i due portieri vuol dire che ci sono state numerose azioni da gol, soprattutto Handanovic ha fatto la parata dell’anno. E’ comunque un pareggio che fa bene ai nerazzurri che, con i rossoneri distanti 8 punti, sono a un passo dal ritorno in Champions nonostante una Lazio agguerrita”.

ICARDI –  “Giornate funeste ne ho passate anch’io. Quelli di ieri sera sono gol impossibili da sbagliare, Icardi solitamente è un centravanti cinico e anche all’andata, con 3 gol, ha dato prova di questo. E’ maturato tanto e ancora maturerà per diventare inarrestabile”.

REGISTA CERCASI… – “Manca un vero regista a centrocampo, come Badelj della Fiorentina. Lui avrebbe portato la qualità che manca. Con l’inserimento di Brozovic e Rafinha la manovra è migliorata e i risultati ne stanno traendo beneficio. Non conosco bene Lautaro Martinez ma, fossi nella dirigenza, non correrei il rischio di sacrificare o veder partire Icardi. Mauro ha venticinque anni, è determinante e lo sarà sempre visto che deve dare ancora il meglio di sé stesso. Farei di tutto per farli coesistere”.

ADDIO SABATINI – “Evidentemente non c’era comunione d’intenti tra la società e il D.T. e ciò è stato confermato dal mancato raggiungimento di alcuni obiettivi di mercato. Ausilio, adesso, avrà maggior spazio e spero sia in grado di sfruttarlo al meglio anche grazie agli insegnamenti di Sabatini. Del resto per costruire ottime squadre è fondamentale che ci sia coesione tra l’allenatore, il D.S. e la società altrimenti tutto crolla. Qualora tornasse Branca sarebbe un bene visto che ha fatto un buon lavoro. Sono amico di Oriali, l’ho visto crescere nell’Inter e lo stimo come uomo e professionista. Spero tanto possa tornare in nerazzurro nonostante la passione per la Federazione”.

 

MAURO ICARDI, 100 GOL IN SERIE A E PER L’INTER È SOLO L’INIZIO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy