Capello: “Icardi? Il capitano non stringe solo la mano all’arbitro. Con Marotta e lo stile Juve verso direzione giusta”

Capello: “Icardi? Il capitano non stringe solo la mano all’arbitro. Con Marotta e lo stile Juve verso direzione giusta”

L’ex allenatore ha commentato la scelta dell’Inter di togliere la fascia da capitano dal braccio dell’attaccante argentino

di Andrea Ilari

La decisione dell’Inter di togliere i gradi di capitano a Mauro Icardi è arrivata inaspettata e ha spiazzato un po’ tutti, addetti ai lavori e non. Una presa di posizione forte da parte della società che ha, con questo gesto, voluto dare un messaggio molto chiaro, perseguendo l’interesse della collettività piuttosto che del singolo, cercando di eliminare qualsiasi tipo di elemento che potesse essere in qualche modo destabilizzante. Dell’argomento ha parlato, ai microfoni di Sky Sport, anche Fabio Capello. Questo il commento dell’ex allenatore:

Non serve fare il capitano solo per stringere la mano all’arbitro e scambiarsi il gagliardetto, se poi quando esci dal campo il vero capitano ce l’hai in casa. Sarebbe rilevante, in merito alla decisione di non partire per la trasferta di Vienna, capire se Icardi avesse avvertito precedentemente della sua assenza o se non si sia presentato. Vedo la decisione di Marotta in tutto quello che è successo. Sta dando infatti un preciso indirizzo alla società: basta capricci. Questo rappresenta un segnale per tutti e per lo stesso Spalletti, il quale si era esposto per il rinnovo dell’attaccante finendo per far aumentare la tensione. Marotta sta portando la società verso la giusta direzione, perseguendo serietà, lavoro, poche chiacchiere e attenzione: insomma stile Juventus. Adesso avrà ancora più voglia di sopravanzare i bianconeri“.

Rapid Vienna-Inter, la conferenza di Spalletti: “Icardi? La situazione imbarazzava squadra e società”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

VIDEO – Le frasi di Wanda che hanno scatenato il caos all’Inter: cronistoria del caso Icardi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy