Candreva in conferenza: “Sono orgoglioso di essere in un top club come l’Inter. Qui per vincere! Rigori? Con Icardi…”

Candreva in conferenza: “Sono orgoglioso di essere in un top club come l’Inter. Qui per vincere! Rigori? Con Icardi…”

L’attaccante nerazzurro ha risposto alle domande dei giornalisti

di Alberto Porceddu, @porceddualberto

L’attaccante nerazzurro, Antonio Candreva, ha risposto alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa del centro sportivo “Angelo Moratti“.

Piero Ausilio ha accompagnato Antonio Candreva e fatto le consuete foto con la maglia del nuovo acquisto nerazzurro. Ecco le parole del ds nerazzurro: “Sono anni che inseguiamo Candreva, un giocatore che è sempre piaciuto all’Inter e piacerà ancora. Lui è il giocatore adatto al nostro progetto e de Boer ne ha già apprezzato le qualità“.

INTER – “Volevo prima di tutto ringraziare Ausilio per queste le belle parole ed i tifosi della Lazio per le 5 stagioni bellissime dove ci siamo tolti bellissime soddisfazioni. Ringrazio l’Inter ed il Suning che hanno speso tanti soldi per avermi qui, una trattativa lunga e sono orgoglioso di essere in un top club come l’Inter e voglio vincere. Sono arrivato qui all’età giusta. Ho avuto il timore che la trattativa potesse non andare in porto ma alla fine sono arrivato qui“.

MATURITÀ – “Sono arrivato alla Juve dopo sei mesi appena di serie A. Ho giocato con tanti campioni che mi hanno insegnato tanto. Arrivo all’Inter con un’esperienza internazionale alle spalle e voglio far bene con i miei compagni“.

ICARDI – “Icardi ha fatto 50 gol e il campo parla per lui. Abbiamo un grandissimo capitano e voglio fare tanti assist per lui“.

MERCATO – “Non ho rifiutato nessuno, nemmeno il Napoli. L’Inter mi ha sempre voluto e sono contento e orgoglioso di far parte di questa grande squadra“.

FORMA FISICA – “Ho avuto un infortunio durante gli Europei ma ho recuperato bene. Sono a disposizione del mister e abbiamo iniziato a preparare la partita di domenica sera“.

INTER DA AVVERSARIA – “Quando ho affrontato l’Inter con la Lazio era prima in classifica. Fino a quel punto l’ho vista bene ma poi non ho seguito il percorso dell’Inter ma ricordo un periodo senza vittorie dove magari sono state perse certezze“.

DE BOER – “Ci stiamo conoscendo con il mister. Predilige tanto avere il controllo della partita e preparare bene le partite. Ho un’ottima impressione di lui“.

SIMBOLO ITALIANO – “Mi rende orgoglioso essere uno dei pochi italiani e voglio onorare questa maglia“.

TITOLARITÀ – “C’è tanta concorrenza in attacco e davanti siamo forti ma pensiamo ad andare avanti insieme”.

REJA – “Lui è stato uno dei miei punti di riferimento perché mi ha dato un ruolo ben preciso“.

RIGORI – “Se il rigorista è Icardi, resta lui. Non abbiamo parlato in merito a questa situazione ma l’importante è vincere le partite tutti insieme“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy