CorSera attacca Thohir: “Speriamo che tolga presto il disturbo”

CorSera attacca Thohir: “Speriamo che tolga presto il disturbo”

Il quotidiano inoltre si auspica che “ritorni al basket” e che “colpisca i giocatori nel portafoglio”. Probabili provvedimenti da parte dell’Inter

Non conosce tregua la situazione poco felice che sta attraversando l’Inter in questi giorni. Quest’oggi, dalle pagine del Corriere della Sera, si legge di un durissimo attacco portato dallo storico quotidiano milanese ai danni del presidente dell’Inter Erick Thohir: “Tempo fa individuammo in quel simpaticone di Erick Thohir il maggior colpevole di questa situazione così confusa. Non ne ha fatta una giusta, se non le mosse a suo vantaggio, quella più geniale di fare un prestito all’Inter con interessi (e guadagni) altissimi. Un gol da uomo di finanza di talento, lontano anni luce dalla generosità sportiva di Moratti”.

“Anche nella vendita dell’Inter a Suning – continua il CorSera – Thohir ci ha guadagnato. Poi, con il suo 30%, e conservando inspiegabilmente la carica di presidente, ha fatto altri danni: ha portato prima all’esasperazione il rapporto con Mancini che ha fatto di tutto per farsi «esonerare» e poi ha scelto Frank De Boer, allenatore preparato, ma inadeguato per ora al calcio italiano. Si spera che presto Thohir possa togliere il disturbo, magari dedicandosi solo al basket, sport di cui è competente (su questo fronte potrebbero esserci delle novità)”.

GIOCATORI – “Ma ciò che dà fastidio è che i giocatori non paghino, non subiscano alcun provvedimento: più questi presunti campioni giocano male e più fanno finta di nulla, addirittura alcuni di loro recitano la parte delle vittime – si legge -. Ci fosse un manager vero, alla Galliani, alla Marotta, tanto per non fare nomi, certe prestazioni non sarebbero state tollerate. Ecco, si potrebbe iniziare adesso: toccare i giocatori là dove sono più sensibili, nel portafoglio. Forse è lo schema migliore”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy