Crotone-Inter, ecco cosa non ha funzionato: il centrocampo non ha girato e Joao Mario…

Crotone-Inter, ecco cosa non ha funzionato: il centrocampo non ha girato e Joao Mario…

L’analisi tattica sulla partita di ieri allo ‘Ezio Scida’. Il portoghese è stato troppo lento e concausa della difficoltà nel creare occasioni

Nella partita di ieri contro il Crotone è stato soprattutto il centrocampo dell’Inter a non funzionare bene e a nascondere la via del gol. Troppa è stata, infatti, la fatica accusata dai nerazzurri nel creare occasioni per andare a rete. Il motore lì nel mezzo non ha girato e la manovra è risultata lenta e prevedibile. L’unico a provare a regalare idee illuminanti, come si legge su La Gazzetta Sportiva, è Borja Valero. Ne risulta, però, una luce in mezzo al buio. A dimostrarlo sono i numeri, 107 tocchi per lo spagnolo: 7 lanci positivi, 7 recuperi e 3 contrasti. Le due ali dell’Inter restano larghe e non tagliano e così è dura trovare nerazzurri tra le fitte linee degli “squali”. Joao Mario, cui spetta il compito di rifinire negli ultimi metri, non interviene con i giusti tempi.

Se il quadro sembra completo per spiegare la difficoltà nello sbloccare il match, lo è ancora di più guardando il numero di palloni persi dagli interisti: ben 17 dal trequartista portoghese, 18 da Candreva e 12 da Gagliardini. Ne consegue che la squadra resti con un baricentro basso (49,8 metri) e lo è anche il pressing nerazzurro. In questo modo la porta avversaria resta fin troppo lontana. Luciano Spalletti dovrà lavorare sui sincronismi del centrocampo se vorrà creare più pericoli nelle prossime partite.

LA FOLLA DI TIFOSI ATTENDE ICARDI IN VIA MONTENAPOLEONE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy