Gaspart: “Ronaldo voleva restare al Barça, è andato all’Inter solo per soldi. Avevamo l’accordo per il rinnovo, vi racconto tutto”

Gaspart: “Ronaldo voleva restare al Barça, è andato all’Inter solo per soldi. Avevamo l’accordo per il rinnovo, vi racconto tutto”

L’ex vice-presidente del Barcellona ha raccontato la sua versione sulla cessione di Ronaldo all’Inter ai microfoni di Goal.com

di Luca Tagliabue

Joan Gaspart, vice-presidente del Barcellona ai tempi della cessione di Ronaldo all’Inter, ha parlato della vicenda legata al tentato rinnovo del fenomeno brasiliano ai microfoni di Goal.com. Secondo quanto riferito da Gaspart, l’attaccante avrebbe voluto rimanere nei blaugrana ma gli agenti lo avrebbero costretto a firmare per l’Inter che aveva presentato un’offerta superiore. Tutto questo a pochi minuti dalla firma del contratto che avrebbe sancito il rinnovo. Ecco il lungo aneddoto, riportato per intero:

“Ronaldo voleva restare al Barcellona, era felice e desideroso di rinnovare. Abbiamo persino redatto il documento alla presenza del giocatore e dei suoi agenti. Erano le tre del pomeriggio e per questo motivo abbiamo deciso di andare a pranzo e festeggiare il rinnovo di Ronaldo per poi tornare in ufficio e sottoscrivere l’accordo che avevamo raggiunto. Siamo andati a mangiare in un ristorante vicino ed abbiamo brindato con champagne per celebrare quanto stava avvenendo. È stato un errore perché se non fossimo andati a pranzo ma avessimo firmato per tempo Ronaldo sarebbe rimasto a giocare nel Barcellona.

Durante il pranzo uno degli agenti si assentò per circa mezz’ora a causa di una telefonata. Era Massimo Moratti. In quel momento non ho dato molta importanza all’assenza del procuratore. Quando è tornato si è scusato, ha preso un caffè prima di andare in ufficio a firmare il contratto. Fin dal primo momento in cui siamo arrivati nell’ufficio del presidente Nunez gli agenti hanno iniziato a mettere ostacoli alla conclusione dell’affare, hanno detto a Ronaldo di andare a casa e che lo avrebbero chiamato prima di firmare. Ho chiesto loro di firmare, ma volevano a tutti i costi rinegoziare completamente l’accordo, aumentando i termini economici in maniera molto netta, si trattava di reinventare nuovamente un altro accordo.

Quando eravamo riusciti a rinegoziare i cinque punti che avevano chiesto, ne trovarono un sesto e poi un settimo. A quel punto ho chiamato Ronaldo, che piangendo mi disse che era dispiaciuto, ma che i suoi agenti gli avevano detto di avere in mano un’offerta molto migliore rispetto alla nostra che gli permetteva di andare in un altro club e guadagnare molti più soldi.

Ovviamente non eravamo d’accordo, e siamo andati alla FIFA a Zurigo per presentare una querela contro l’Inter. Il nostro intento era quello di utilizzare un arbitrato che riuscisse ad individuare un ulteriore cifra da far pagare ai nerazzurri, non che Ronaldo non dovesse trasferirsi. La FIFA successivamente ha dato ragione al Barcellona ed ha condannato l’Inter a pagare altri 400 milioni di pesetas. Personalmente dissi a Moratti che quello che aveva fatto non era serio perché sapeva che stavamo negoziando e che avevamo praticamente chiuso l’operazione per il rinnovo . Ronaldo ha sempre negato di aver raggiunto un accordo ma era una bugia. Ogni volta che lo vedo gli ricordo che Ronaldo non voleva andare all’Inter ma che i suoi agenti lo hanno convinto solo per i soldi”.

LEGGI ANCHE – INTER-BARCELLONA, LE ULTIME DI FORMAZIONE

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

VIDEO – Inter-Barcellona, Spalletti e… “il vampiro della Pinetina”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy