Inter, Nagatomo: “Tanta concentrazione per marcare i più forti. Ho voluto fortemente il rinnovo”

Inter, Nagatomo: “Tanta concentrazione per marcare i più forti. Ho voluto fortemente il rinnovo”

Il terzino giapponese è stato ospite di Season Review, programma del canale tematico nerazzurro Inter Channel

nagatomo rinnovo 2019

Il difensore giapponese dell’Inter, Yuto Nagatomo, è stato ospite durante l’ultima puntata di Season Review, format del canale tematico Inter Channel, per raccontare le sensazioni vissute durante la stagione appena conclusa:

-Pensi di essere un vincente?

“La penso così, ma non lo so, tu cosa dici?”.

-Essere all’Inter è una vittoria per te, così come essere titolare nel Giappone. 

“Allora posso dire di essere un vincente”.

-Migliori prestazioni contro i più forti? 

“Non sbagli. Sì, come con la Roma, con il Napoli. Mi sono concentrato per vincere la partita, uno contro uno è molto difficile contro Salah, Gervinho, Callejon. È stato difficile, ma il mio compito era questo: fermare gli avversari. Anche il mister mi ha insegnato tanto, cosa devo fare, sono migliorato tanto in questo modo”.

-Studi l’avversario? 

“Sì, mi piace tanto farlo e soprattutto curo la fase difensiva, come ho fatto contro giocatori come Cuadrado, Salah, Gervinho, giocatori molto veloci e difficili da marcare. Mi sono divertito in queste partite comunque. Sto migliorando molto anche tatticamente”.

-Ti alleni per la fase offensiva. Cerchi sempre di migliorarti, vero? 

“Sì, sì, l’importante è l’allenamento, il lavoro. Mi alleno sempre dando il massimo poi vedremo cosa accadrà”.

-Inizio di stagione non facile per te: tanta panchina, poi titolare fisso. Cosa è successo? 

“Quando è iniziato il campionato è stato difficile per me, non giocavo proprio. Fisicamente non ero al 100% per questo mi sono allenato al massimo tutti i giorni e così fisicamente sono migliorato tantissimo. Ecco perché le cose sono cambiate. Ho acquistato fiducia, questa cosa è stata importante per me, come lo è per tutti i giocatori. Ho acquisito fiducia e quindi avevo la testa libera, ero tranquillo ed anche questo ha cambiato le cose”.

-Capire l’italiano aiuta di più? 

“Sì, sicuramente. Anche questa cosa mi ha fatto migliorare tanto. Capisco cosa dice il mister, è molto importante per la tattica. Io lo sento molto, gioco vicino alla panchina. Io comunque sono tranquillo”.

-Sei molto rispettoso e corretto in campo.

“Contro il Torino non avevo toccato l’avversario, ma sono stato espulso ugualmente, mi è dispiaciuto molto perché non potevo cambiare la decisione dell’arbitro e non ho potuto fare niente. Il calcio è così. Potevo fare casino, arrabbiare, ma questo non cambia niente. È l’arbitro a decidere. Devo usare la testa, io resto lucido. I miei genitori mi hanno insegnato ad essere così: ad essere sempre positivo e tranquillo anche in momenti negativi”.

-Rinnovo con l’Inter quest’anno fortemente voluto…

“Sono molto contento di aver rinnovato il mio contratto. Volevo rimanere qui, sto bene qui, mi trovo bene nella mia squadra, i compagni mi aiutano sempre, come tutto lo staff. I tifosi mi supportano. Sono veramente felice di rimanere qui. Ho rifiutato varie offerte, non volevo andare via”.

-Zanetti e stagione? 

“Essere come Zanetti è impossibile, lui è troppo forte. Mi ha insegnato tanto, ad essere positivo, un professionista. Non mi sono infortunato neanche una volta quest’anno. Per me è stata una stagione positiva. Non siamo arrivati al terzo posto e dispiace, era questo il nostro obiettivo, abbiamo sempre lavorato bene con squadra e mister. Vogliamo la Champions ora, siamo l’Inter, vogliamo anche vincere il campionato. Questo sarà il nostro obiettivo. Gol? Quest’anno niente, ma è importante che vinca la squadra”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy