L’Inter vince il derby di Milano dei social

L’Inter vince il derby di Milano dei social

Aspettando il campo i nerazzurri superano i rossoneri nella stracittadina

di Pasquale Formisano, @Formigoal

Un derby è per sempre, non solo per la gara che si svolge in campo, ma anche per quanto riguarda un obiettivo di mercato, oppure il colpo d’occhio delle coreografie, oppure gli sfottò e, da oggi, anche per il mondo virtuale dei Social Network.

Secondo un’analisi svolta da Blogmeter, che questa settimana si è focalizzata le eccellenze milanesi, quelle realtà che rappresentano la storia e la cultura di Milano, questo tipo di derby virtuale viene vinto dalla società nerazzurra.

LA CLASSIFICA – In questa edizione sono state analizzate le performance di tutte le pagine ufficiali Facebook, Twitter e YouTube delle principali aziende, soggetti ed enti che rappresentano la cultura e la storia milanese; Blogmeter ha dapprima selezionato cinque settori di riferimento, ovvero Cultura, Editoria, Industria, Istruzione e Sport, per poi trovare un vincitore in ognuno di questi campi. E se nella Cultura primeggia il Duomo, nell’Editoria il Corriere della Sera, nell’Industria l’Esselunga e nell’Istuzione il Politecnico, sono i nerazzurri a ritrovarsi in vetta alla graduatoria riguardante lo sport.

ROSSONERI DOPPIATI – Con numeri da capogiro l‘Inter batte il Milan che viene praticamente doppiato: per i nerazzurri un engagement pari a 8,7 milioni, oltre il doppio rispetto ai rossoneri che raccolgono 4,1 milioni di interazioni nel trimestre analizzato. Tra gli hashtag più utilizzati dalla squadra nero-azzurra spiccano #InterIsHere e #ForzaInter, che sono risultati essere i più coinvolgenti per i tifosi da Social Network.

LEGGI ANCHE: Punto Primavera – Altro pareggio per l’Inter: 2-2 interno contro il Sassuolo acciuffato al 92′

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

VIDEO – Zenga sfida il figlio, ed è subito Inter-Barcellona!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy