Inter, c’è aria di confusione. Non solo Mancini tra i delusi

Inter, c’è aria di confusione. Non solo Mancini tra i delusi

Anche Bolingbroke, Ausilio e Gardini sarebbero delusi dall’assenza di chiarezza sul rinnovo dei contratti

mancini suning

Il problema, all’Inter, non è legato solo a Roberto Mancini. Secondo quando riporta la Gazzetta dello Sport, c’è un malessere diffuso anche ad altri livelli della società: “Al momento non si capisce chi prende davvero le decisioni. L’attuale dirigenza (Bolingbroke compreso, ma oltre a Mancini ci sono pure il ds Ausilio e il Cfa Gardini) è in scadenza e i cinesi non pensano al rinnovo. Di fatto all’Inter non c’è chiarezza su chi detta la linea. E non lo fa nemmeno Thohir, che è a Los Angeles e, persa la maggioranza, non ha più voglia e bisogno di metterci la faccia. Ma oggi, dopo avere smosso Bolingbroke dalle ferie, con ogni probabilità il presidente dovrà affrontare la patata bollente direttamente con il tecnico. Rimane però la sostanza che la dirigenza attende un segnale da Nanchino e per ora rimane senza un interlocutore chiaro e definito. A cominciare dallo stesso Mancini, che in carriera ha elevato ad arte la capacità di ottenere sul mercato ciò che voleva. Peccato che adesso non sappia a chi rivolgersi. Oramai però il caso sta per esplodere e come minimo il tormentone del tecnico potrebbe costringere chi di dovere ad aprire gli occhi e a dare una rotta alla nuova Inter“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy