Milly Moratti: “Zanetti è un supereroe”

Milly Moratti: “Zanetti è un supereroe”

di

Milly Moratti, moglie del presidente Massimo, presente all’inaugurazione del nuovo Inter Store risponde alle domande di Sky:

Signora Moratti, cosa si può aggiungere di non detto su Zanetti? “Ma l’avete visto, è un ragazzino! Traspare che sia una persona sana, di principi, che non si è corrotta mai nel corpo e nello spirito. I ragazzi lo adorano, vogliono toccarlo, abbracciarlo, percepiscono che è un uomo integro, da imitare”. Si aspettava quest’invasione del popolo nerazzurro? In fin dei conti avete aperto soltanto pochi giorni fa. “E’ stata una piacevolissima sorpresa. Non c’è stato molto tempo per pubblicizzare l’evento, ma la forza dei social network è incredibile. Facebook, Twitter spesso vengono criticati, invece io ritengo che siano uno strumento utilissimo per tenere unite in particolar modo le nuove generazioni, specie in un periodo critico come quello che stiamo attraversando. Si sono dati appuntamento in rete ed eccoli qua a divertirsi, accomunati dalla medesima passione”. Con gli ultimi risultati positivi siete un po’ più tranquilli per il futuro? “Sì, eccome, sono incoraggianti, abbiamo molta fiducia nel lavoro che Ranieri sta facendo con i giovani. Un ottimo segnale per l’avvenire”. Però la Juve e i cugini rossoneri sono ancora distanti in classifica. A proposito: come dobbiamo interpretare il fatto che il negozio sorga proprio nel palazzo dove fu fondato il Milan, una provocazione ai campioni d’Italia? “Ma no, è stato un caso, figuriamoci. Anzi, ora siamo pure vicini di casa (dietro l’angolo c’è il “Milan Store”, ndr), la considero una cosa bella”. Che racconterà al presidente della serata?  “Sarà felice, lui ci tiene tantissimo che i tifosi vogliano bene ai nostri colori. L’ho sentito prima di arrivare, ha preferito non venire perché non voleva portare via nulla alla bellezza della giornata di Javier, il festeggiato è lui. Il nostro supereroe”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy