Elisir Ranieri, a Bologna è un’ Inter forza tre

Elisir Ranieri, a Bologna è un’ Inter forza tre

Commenta per primo!

E venne anche il momento dei nerazzurri: la patria dei tortellini regala finalmente  all’ Inter targata Ranieri i primi tre punti. La vittoria arriva grazie alle reti di Pazzini, Milito e Lucio, ai felsinei non basta il gol di Diamanti che realizza dal dischetto il momentaneo 1-1.

LE FORMAZIONI – Nuovo allenatore,vecchi problemi. L’inter si presenta al Dall’Ara ancora senza Stankovic, Motta e Maicon, tutti alle prese con i rispettivi infortuni. Il tecnico romano decide di adottare un 4-3-1-2 compatto e aggressivo: complice la squalifica di Ranocchia la difesa è composta da Nagatomo, Lucio, Samuel e Chivu, a centrocampo Obi vince il ballottaggio con Muntari e affianca Zanetti e Cambiasso, in attacco il baby Coutinho, schierato trequartista, gioca in appoggio di Forlan e Pazzini. Il Bologna  recupera Di Vaio e il portiere Gillet e si schiera col solito 4-2-3-1: Casarini, Antonsson, Portanova e Morleo compongono la retroguardia,  Mudingay e Perez la diga in mediana. In avanti spazio alla fantasia di Diamanti, Ramirez e Konè che innescano l’unica punta Di Vaio.

UN PRIMO TEMPO TUTTO NERAZZURRO L’Inter sembra rivitalizzata e nella prima mezz’ora dà spettacolo: prima Samuel da due passi spara su Gillet, poi Forlan prende la traversa con un bel tiro da fuori. Gli avversari sono ben controllati dalla retroguardia nerazzurra e vanno vicini al vantaggio solo con Di Vaio che dopo essere entrato in area manda il pallone sopra la traversa da posizione defilata. Il gol è nell’aria e arriva al 39?: Forlan in posizione di regista arretrato prende palla a centrocampo, si libera di Mudingay e serve Cambiasso, sponda dell’argentino per il destro di Pazzini e tiro che si insacca alle spalle di  Gillet. Il primo tempo praticamente finisce qui e si va al riposo con i nerazzurri meritatamente avanti.

TANTA SOFFERENZA NELLA RIPRESA –  Il secondo tempo ha però un copione ben diverso: Cambiasso colpisce subito la traversa con un bel pallonetto ma poi l’Inter si spegne lasciando ai felsinei sempre più campo. Il tecnico romano cerca di coprirsi passando al 4-4-2 inserendo Jonathan al posto di Coutinho ma non basta. Con la squadra di Ranieri schiacciata nella propria metà campo i rossoblu pian piano si scatenano e proprio grazie alla crescente pressione ottengono il pari: su un corner dalla sinistra di Ramirez Tagliavento interviene e assegna un dubbio penalty al Bologna per una trattenuta di Samuel su Portanova, dal dischetto va Diamanti che realizza. Ma i ragazzi di Bisoli non si fermano e galvanizzati sfiorano ancora la rete con una punizione insidiosa del solito Diamanti. Il pareggio non serve all’Inter che si gioca tutto e manda in campo Milito al posto di Forlan. La mossa è azzeccata: Cambiasso e Pazzini apparecchiano per Milito che entrato in area è steso da Morleo. Tagliavento non può non vedere, espelle il difensore e assegna il rigore: dal dischetto va il Principe che realizza il 2 a 1 con grande freddezza proprio davanti alla curva rossoblu. La partita del Bologna si chiude qui; i felsinei in inferiorità numerica,stanchi e privi delle progressioni di Ramirez uscito per infortunio si arrendono e devono subire anche il 3-1 di Lucio che insacca di testa sfruttando una ottima punizione di Muntari.

BOLOGNA – INTER 1-3 (0-1) MARCATORI: 39′ Pazzini, 66′ Diamanti (r), 80′ Milito(r), 86′ Lucio BOLOGNA (4-2-3-1) Gillet (69′ Agliardi); Casarini, Antonsson, Portanova, Morleo; Perez, Mudingayi; Kone, Ramirez (78′ Krhin), Diamanti; Di Vaio (64′ Acquafresca). All. Bisoli INTER (4-3-1-2) Julio Cesar; Nagatomo, Lucio, Samuel, Chivu; Cambiasso, Zanetti, Obi (64′ Muntari); Coutinho (55′ Jonathan); Forlan (74′ Milito), Pazzini. All. Ranieri

 IL MIGLIORE: Pazzini – Spedito in soffitta da Gasperini per motivi non meglio precisati, parte titolare e decide il match. Prima mette la firma per il momentaneo vantaggio, poi libera Milito con uno stupendo colpo di tacco nell’occasione del rigore che riporta avanti i nerazzurri. Tiene alta la squadra, pressa e si batte su ogni pallone. Indispensabile.

IL PEGGIORE: Samuel – Il flop della giornata è proprio il roccioso centrale argentino. Costantemente in difficoltà sulle ripartenze del velocissimo Ramirez, ingenuamente tira giù  Portanova in area regalando ai rossoblu il pareggio dal dischetto. In affanno.

IL VOTO ALL’INTER: 6 – Finalmente i nerazzurri strappano i 3 punti e questa già è una buona notizia. Ma il risultato non rende appieno la fatica fatta dai nerazzurri per domare un Bologna molto pericoloso soprattutto nella ripresa.

IL VOTO A RANIERI: 6.5 – In futuro si dovrà lavorare molto di più ma oggi la vittoria è merito soprattutto del tecnico romano. Arrivato da pochissimo, schiera in campo i suoi ragazzi con un modulo più congeniale alle caratteristiche individuali restituendo ai nerazzurri entusiasmo e voglia di vincere.

LA PROSSIMA PARTITA- Tra tre giorni è già champions e dopo il brutto esordio di San Siro non si può più sbagliare. I nerazzurri martedì saranno impegnati nella difficile trasferta di Mosca contro il Cska.

 Loris Dattoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy