Laudisa (GdS): “Lautaro dovrà tornare con i piedi per terra!”. Il punto sul rinnovo e sulla strategia di Marotta

Il Toro è ancora un obiettivo del Barcellona

di Davide Ricci, @davide_r22

La trattativa nelle ultime settimane ha subito una brusca frenata ma l’obiettivo del Barcellona non è mai cambiato: portare Lautaro Martinez in Spagna. Il Toro è diventato uno delle prime scelte per affiancare Leo Messi la prossima stagione ma l’Inter ha tenuto e sta continuando a tenere una linea ben precisa, soprattutto ora che la clausola da 111 milioni di euro è scaduta.

Il giornalista de La Gazzetta dello Sport Carlo Laudisa ha analizzato il momento sulle pagine del quotidiano, facendo il punto anche sul rinnovo di contratto e sulla strategia di Beppe Marotta“ha scelto il basso profilo  sull’argomento. Per togliere pressione al Toro, anche agli occhi della tifoseria. In questi casi è bene che il dialogo con il giocatore ed il suo entourage prosegua con discrezione. È interesse di tutti. Questo, però, non significa che la pratica finisca in soffitta. Se da un lato l’Inter deve avere l’accortezza di non pressare il ragazzo, dall’altro deve intuire qual è il momento giusto per cogliere i suoi cedimenti. Prima o poi, infatti, Lautaro toccherà con mano che a Barcellona non hanno le risorse per centrare quest’ambizioso obiettivo. E dovrà tornare con i piedi per terra“.

Continua: “Lui ora guadagna 2,4 milioni netti e i blaugrana ne hanno promessi 10 all’anno. Invece l’Inter non va oltre quota 5. Ciò spiega la cautela di Marotta. Comprensibile, dunque, che non prenda il Toro per le corna, ma in parallelo va assolutamente tenuta aperta la via diplomatica. Con tatto, ma con determinazione. Per ridare a Lautaro la gioia di crescere in fretta con questa maglia. E mettersi Messi alle spalle”.

>>>Iscriviti al canale Youtube! Parla con noi ogni giorno in Diretta alle 19<<<

Verso SPAL-Inter – spazio per Eriksen e Ranocchia, Barella e Lukaku ancora out. Le probabili formazioni

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy