Messi annuncia: “Da un anno ripetevo al presidente di voler andare, non ha mantenuto la parola. Resto per dare il massimo”

Messi annuncia: “Da un anno ripetevo al presidente di voler andare, non ha mantenuto la parola. Resto per dare il massimo”

L’argentino esce finalmente allo scoperto e parla in pubblico

di Antonio Siragusano

E’ stata fatta finalmente chiarezza sul futuro di Leo Messi. L’argentino, intervenuto per la prima volta pubblicamente dopo l’annuncio dell’addio trasmesso al club privatamente con un burofax, è uscito allo scoperto raccontando tutta la sua verità. Dall’addio già annunciato al presidente Bartomeu durante la stagione, alla promessa mantenuta dal numero uno blaugrana.  Intervistato in esclusiva da Goal España, ecco l’annuncio al mondo intero di Leo Messi che si toglie dal mercato:

SILENZIO – “Dopo la sconfitta di Lisbona è stato molto difficile. Sapevamo che era un avversario molto difficile, ma non che sarebbe finita così, dando quell’immagine tanto povera per il club e per il barcelonismo. Abbiamo dato una pessima immagine. Stavo male, non avevo voglia di nulla. Volevo che passasse il tempo per poi uscire a chiarire tutto”.

ADDIO – “Ho detto al club, e soprattutto al presidente, che me ne sarei voluto andare. Glielo dico da un anno intero. Pensavo fosse il momento di fare un passo indietro. Pensavo che il club avesse bisogno di più giovani, di gente nuova, e pensavo che la mia avventura a Barcellona fosse finita perché mi sentivo così dispiaciuto perché ho sempre detto che avrei voluto finire la mia carriera qui. È stato un anno molto complicato, ho sofferto molto durante gli allenamenti, le partite e lo spogliatoio. Mi è diventato tutto molto difficile ed è venuto il momento che ho pensato di cercare nuovi obiettivi, nuova aria. Non è venuto a causa del risultato di Champions contro il Bayern, la decisione è stata presa a lungo. L’ho detto al Presidente, beh, il Presidente ha sempre detto che alla fine della stagione avrei potuto decidere se volevo andarmene o restare e alla fine non ha mantenuto la parola”.

RIMANE – “Continuo a giocare per il Barcellona, ma il mio atteggiamento non cambierà solo perché me ne sarei voluto andare. Darò il mio meglio. Voglio sempre vincere, sono competitivo e non mi piace perdere. Voglio sempre il meglio per il club, per lo spogliatoio e per me. Tempo fa dissi che non avevamo possibilità di vincere la Champions League. Ed era la verità, ora non so cosa succederà. C’è un nuovo allenatore e una nuova idea. Questo è un bene, ma poi dobbiamo vedere come risponde la squadra e se darà o meno risposte per essere competitivi. Quello che posso dire è che resto e darò il massimo”.

ISOLATO – “No … non mi sono sentito solo. Non da solo. Al mio fianco ci s sono stati quelli di sempre. Questo mi basta e mi rafforza. Ma mi sono sentito ferito dalle cose che ho sentito dalle persone, dal giornalismo, dalle persone che mettono in dubbio il mio barcelonismo e dicono cose che penso di non meritare. Mi ha anche aiutato a vedere chi è chi. Il mondo del calcio è molto difficile e ci sono molte persone molto false. Quanto è successo mi ha aiutato a riconoscere molte persone false che prima vedevo diversamente. Mi ha ferito quando il mio amore per questo club è stato messo in discussione. Non importa quanto vada o resti, il mio amore per il Barça non cambierà mai ”.

FERITO – “Un po ‘di tutto, gli amici di Messi, i soldi… molte cose che sono state dette hanno fatto male. Metto sempre il club prima di ogni altra cosa. Ho avuto la possibilità di lasciare il Barça molte volte. I soldi? Ogni anno potevo andarmene e guadagnare più soldi che a Barcellona. Ho sempre detto che questa era casa mia ed era quello che sentivo e che provo adesso. Meglio che qui è difficile. Ho sentito che avevo bisogno di cambiare e avere nuovi obiettivi, nuove cose “

LA SCELTA – “Ovviamente ho avuto difficoltà a decidere. Non viene dal risultato del Bayern, viene da tante cose. Ho sempre detto che volevo finire qui e ho sempre detto che volevo restare qui. Che volevo un progetto vincente e vincere titoli con il club per continuare ad espandere la leggenda del Barcellona a livello di titoli. E la verità è che non c’è stato nessun progetto o altro per molto tempo, si tappano buchi mentre le cose vanno. Come ho detto prima, ho sempre pensato al benessere della mia famiglia e del club”.

LA FAMIGLIA – “Quando l’ho comunicato a mia moglie e ai miei figli, è stato un dramma. Tutta la famiglia piangeva, i miei figli non volevano lasciare Barcellona, ​​né volevano cambiare scuola. Ho guardato oltre e voglio competere ai massimi livelli, vincere titoli, competere in Champions League. Puoi vincere o perdere, perché è molto difficile, ma devi competere. Almeno ce la giochiamo e non passiamo la Roma, il Liverpool, il Lisbona. Tutto quello che ha fatto mi ha portato a pensare a quella decisione che non ho preso. Torniamo all’inizio… pensavo ed eravamo sicuri che fossi libero, il presidente diceva sempre che a fine stagione potevo decidere se restare o meno e ora si aggrappano al fatto che non l’ho detto prima del 10 giugno quando si scopre che il 10 giugno giugno stavamo giocando per la Liga in mezzo a questo virus di me**a e questa malattia che ha alterato tutte le date. Ed è per questo che continuerò nel club… Ora continuerò nel club perché il presidente mi ha detto che l’unico modo per andarmene era pagare la clausola dei 700 milioni, che è impossibile, e poi c’era un altro il modo per cui dovevo andare in giudizio. Non andrei mai al processo contro il Barça perché è il club che amo, che mi ha dato tutto da quando sono arrivato, è il club della mia vita, ho fatto la mia vita qui, il Barça mi ha dato tutto e io ho dato tutto, mai mi è venuto in mente di portare il Barça in giudizio”.

BUGIE – “Mi ha fatto molto male leggere cose contro di me e soprattutto false. Addirittura sono arrivati a pensare che potevo andare a processo contro il Barça per trarne vantaggio. Non farei mai una cosa del genere. Ripeto, volevo andare ed era tutto un mio diritto, perché il contratto diceva che potevo essere rilasciato. E non è ‘me ne vado e basta’. Me ne stavo andando e mi è costato molto. Volevo andare perché pensavo di vivere felicemente i miei ultimi anni di calcio. Quest’ultimo non ha trovato la felicità all’interno del club”.

BLOCCATO – “Ho provato molto dolore per il fatto che il mio barcellonismo venisse messo in dubbio per quanto sono grato a questo club. Lo amo e non starò meglio di qui altrove. Ho ancora il diritto di decidere. Stavo cercando nuovi obiettivi e nuove sfide. E domani potrei tornare indietro, perché qui a Barcellona ho tutto. Mio figlio, la mia famiglia, sono cresciuti qui e vengono da qui, non c’era niente di sbagliato nel lasciare in quel momento. Ne avevo bisogno, il club ne aveva bisogno ed era un bene per tutti”.

>>>Iscriviti al canale Youtube! Parla con noi ogni giorno in Diretta alle 19<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy