ESCLUSIVA – L’agente Naletilic: “Perisic al Bayern? Kovac lo conosce, l’Inter sbaglia a darglielo. Rebic l’ideale per Conte”

ESCLUSIVA – L’agente Naletilic: “Perisic al Bayern? Kovac lo conosce, l’Inter sbaglia a darglielo. Rebic l’ideale per Conte”

Il noto procuratore, grande esperto di calcio croato, poi consiglia i nerazzurri: “Occhio a Ivanusec, entro due anni giocherà a grandi livelli”

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar

Entriamo nella fase finale di questo calciomercato. L’Inter di Conte accelera i tempi per completare al più presto la rosa: Lukaku è arrivato, per Dzeko ci siamo, ora è tempo di pensare agli esuberi da cedere, prima di valutare eventuali altri ritocchi.

La redazione di Passioneinter.com ha contattato in esclusiva Marko Naletilic, noto procuratore croato, per commentare questa sessione di mercato ed in particolare alcuni movimenti che riguardano i suoi connazionali, come Perisic e Rebic.

Cosa ne pensa del campionato italiano che sta nascendo? Secondo lei le avversarie della Juventus stanno accorciando le distanze?

“La Serie A sta diventando sempre più attraente. Le avversarie della Juventus si stanno rinforzando: soprattutto l’Inter che dopo diversi rinforzi ora ha fatto anche un bel colpo in attacco con Lukaku. Il Napoli ha la stessa squadra da anni e questo vuol dire molto, perché i meccanismi sono ben oliati e migliorano con il tempo. La Juventus comunque rimane una spanna sopra a tutte, ma prima o poi la rotta si invertirà”.

Come vede l’Inter che sta nascendo con Conte?

“Conte è fortissimo. Cambia la mentalità delle sue squadre in pochissimo tempo e questa è la sua grande forza. Migliora i giocatori che ha a disposizione ed ora stanno arrivando i rinforzi. L’Inter la vedo molto importante come squadra nella lotta per i primi posti”.

All’Inter è stato accostato con insistenza Rebic…

“Lo vedevo molto adatto per Conte, lui è un giocatore importante che mette in campo tantissima quantità, abbinata a molta qualità. Non ho seguito da vicino la vicenda e dunque non so perché alla fine non se ne sia fatto più nulla. Sarebbe stato un rinforzo ideale per l’Inter”.

Nelle ultime ore è circolata la voce della possibile cessione di Perisic al Bayern. Crede che l’affare si farà?

“Kovac lo ha avuto nella Nazionale croata, lo conosce bene e da molto tempo, per questo lo accoglierebbe  al Bayern. Sono molto dispiaciuto per lui. E’ un peccato che l’Inter non provi a trovare una soluzione in questa vicenda. Perché lui è forte, lo ha dimostrato, sia con l’Inter che con la Croazia. Dunque, anche se Conte non lo ritiene adatto per fare l’esterno nel 3-5-2, non capisco perché non provi a trovare altre soluzioni. Dovrebbero fare di tutto per non perderlo, perché uno come lui non può essere mandato via facilmente. Anche perché oltretutto ha sempre dimostrato di essere un grande professionista fuori dal campo”.

L’Inter è sempre vigile nel mercato croato: c’è qualche altro talento che potremmo vedere in futuro a Milano o che lei consiglierebbe all’Inter?

“‘Sparo’ un nome su tutti: tenete d’occhio Luka Ivanusec. Gioca nella Lokomotiv Zagabria, e la Dinamo Zagabria sta provando in tutti i modi ad aggiudicarselo prima dell’arrivo dei club europei. Su di lui ci sono anche il Werder Brema ed il Lille. E’ un giocatore di grande prospettiva, sono sicuro che entro due anni starà giocando a grandi livelli. Assomiglia a Barella, per fare un paragone, ma più tecnico”.

Ci saranno altri grandi colpi da parte dell’Inter e delle altre big italiane?

“Già quello di Lukaku è stato importante per l’attuale realtà italiana e sarà difficile superarlo per importanza e costi dell’operazione. Sono però convinto che dipenderà dalle cessioni, soprattutto per la Juventus che, dovesse cedere qualche elemento di troppo in rosa, potrebbe ancora stupire con qualche grosso colpo di mercato”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 1.000 interisti!

Storie… da numeri 9! Ronaldo, Crespo, Eto’o e gli altri: la pesante eredità di Lukaku

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy