ESCLUSIVA – Mandorlini: “Inter-Juve partita avvincente. Lautaro-Sanchez? Hanno fatto bene, ma Lukaku è importante”

ESCLUSIVA – Mandorlini: “Inter-Juve partita avvincente. Lautaro-Sanchez? Hanno fatto bene, ma Lukaku è importante”

L’allenatore non ha mai nascosto la sua fede nerazzurra

di Antonio Siragusano

Protagonista da calciatore dell’Inter dei record che nel 1991 arrivò a vincere la Coppa Uefa, il nome di Andrea Mandorlini è legato ormai da tantissimi anni ai colori nerazzurri. L’ex tecnico di Hellas Verona e Genoa, oggi senza squadra, è stato il grande ospite del Podcast PassioneInter Talk andato in onda questo pomeriggio. Dal commento a caldo sul derby d’Italia contro la Juventus di ieri, al parere sulle voci di un Luciano Spalletti vicinissimo al Milan. Ecco l’intervento di Mandorlini su questo e tanto altro ancora:

INTER-JUVENTUS – “Credo sia stata una partita avvincente sotto tutti i punti di vista. Inter-Juventus non è mai banale, dal mio punto di vista il gap esiste ancora. L’Inter comunque ha fatto una buonissima gara e credo si sia vista una differenza di valori tecnici che rimane, la Juve rimane assolutamente la squadra da battere”.

SISTEMA DIFENSIVO – “Qualche errore ci sta sempre. Sul primo gol c’è stata un’uscita un po’ troppo alta del centrale (Godin, ndr) che ha portato Skriniar a chiudere a destra. Non me ne voglia il nostro grande portiere, ma credo che sul tiro in diagonale sia partito leggermente in ritardo. Dybala ha fatto un grandissimo gol, ma poteva fare meglio. Abbiamo una grandissima difesa, ma credo che sul secondo gol ci stia stato un errore di questo ragazzo bravissimo, Bastoni, che si è fatto attrarre dalla palla stringendo un po’ e lasciando il corridoio ad Higuain. Sono tutti bravissimi difensori, forse Godin è quello un po’ più indietro degli altri”. 

SENSI E BARELLA – “L’assenza di Sensi è stata importante, è il giocatore fondamentale del centrocampo. Il trequartista andava spesso a chiudere Brozovic per concedere poco alla qualità del centrocampo. Barella mi piace, è un giocatore dinamico, caratteriale, credo che abbia fatto una buonissima gara. Forse da parte nostra abbiamo lasciato un po’ troppa libertà a Pjanic di costruire ed inventare, ma stiamo parlando del mediano più forte del nostro campionato”. 

COPPIE D’ATTACCO – “Il reparto davanti dipende dalle caratteristiche degli interpreti. Sia Lautaro che Sanchez insieme hanno fatto bene, ma credo che la prestanza, la fisicità di Lukaku sia importante per la squadra e per Conte che lo ha voluto fortemente. Ieri sera era partito bene, poi chiaro che nel finale dal punto di vista tecnico è calato con qualche scelta sbagliata. E’ un giocatore di qualità”.

AMBIZIONI STAGIONALI – “Nonostante le sconfitte con Juventus e Barcellona, mi auguro che l’Inter si riprenda e rimanga attaccata al vertice”.

ANALOGIE CON LA SUA INTER – “Venivamo da due/tre anni complicati. La chiamano Inter dei record, partimmo forte e restammo sempre in testa. Sarebbe bello così, adesso c’è stata questa battuta d’arresto, ma sarebbe importante che l’Inter di Conte mantenesse questo ruolino di marcia. Ci vuole pazienza, ma l’Inter sta facendo benissimo. Credo che il carattere dell’allenatore sia fondamentale. Nuovo ciclo? Conte è un allenatore vincente, di personalità. Bisogna avere pazienza, ma perdere con la Juventus ci sta. A volte gli episodi decidono la gara, anche se la Juventus ha dimostrato qualità importante”. 

SPALLETTI AL MILAN – “E’ difficile parlare da lontano. Dopo questa vittoria col Genoa non mi aspettavo questa scelta. Non so, aspettiamo e valutiamo le prossime ore. Sette partite son poche per poter valutare l’operato di un allenatore in una squadra nuova che ha cambiato allenatore. Ci vuole più tempo, si era puntato molto su Giampaolo, un allenatore bravo e giovane con le sue idee di calcio. Spalletti al Milan? Fa parte del proprio lavoro. Da interista ho sempre sentito Spalletti come un interista, ma va bene così, può sedersi tranquillamente sulla panchina del Milan”

FUTURO – “Tornare in panchina? Speriamo. I progetti e le situazioni vanno sempre considerate, bisogna avere un’idea di quello che si vuole fare, altrimenti tutto cade”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Moratti ‘rimanda’ Lukaku: “Deve ancora adattarsi, Icardi sarebbe stato molto utile. Ricorso Calciopoli? Impossibile vinca la Juve”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy