Adani: “Gasperini all’Inter? Era già troppo avanti”

L’ex difensore nerazzurro: “Per la difesa a tre lo volevano crocifiggere”

di Pasquale Formisano, @Formigoal

Gasperini e l’Inter, ovvero la storia di un  amore mai sbocciato e di un’antipatia, quella del tecnico, mai nascosto. Adesso, a tre giornate dal termine della stagione, l’allenatore dell’Atalanta potrebbe giocare alla sua ex squadra un brutto scherzetto, andando a contenderle un posto nella prossima Champions League.

L’ex difensore dell’Inter Daniele Adani, adesso opinionista, ha parlato proprio dell’esperienza milanese di Gasperini ai microfoni di Radio Deejay:

MESSO IN CROCE – “Si può dire che Gasperini non ha mai avuto l’opportunità vera e propria di poter allenare una grande squadra; è vero, è stato all’Inter, ma è rimasto per pochissime partite. Propose la difesa a tre e lo volevano crocifiggere, ma in realtà era già molto più avanti e non gli è stata data fiducia”.

MASIELLO COME GODIN – “È un tecnico molto elastico, in campo schiera giocatori che sanno fare più ruoli, è divertente da vedere. I calciatori dell’Atalanta li ha fatti crescere, così come riabilita quelli un po’ più avanti con gli anni. Ilicic per esempio, poi Masiello sembra Godin…”

MENO CORSE, TANTO CALCIO – Adani ha poi parlato anche della sua idea di allenamento e preparazione atletica, proponendo l’idea di usare più il pallone: “Ricordo le mie lacrime ai tempi in cui fui acquistato dalla Lazio di Zeman, una roba massacrante: piangevo, avevo i brividi a letto e dissi a mia madre che forse non ero adatto alla Serie A. Poi a novembre andai al Brescia di Lucescu e lì comincio la mia vita calcistica. Meno corse più calcio”.

Il Summer Tour 2019 dell’Inter si arricchisce: in programma incontro con il PSG. Ecco data e luogo

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. inoltr_452 - 1 anno fa

    Efettivamente sono daccordo con Adani, la societá dell’Inter non da e non lascia fare il propio lavoro ai suoi allenatori, li usa come capo espiatorio, ve ne elenco alcuni? SIMONI (IL GRANDISSIMO), Mancini, Gasparini, Lippi, e se volete continuo la lista é lunga

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Drago5 - 1 anno fa

      Diciamo che è arrivato all’Inter nel momento sbagliato,era ancora la squadra del triplete e lui cominciò a smantellarla perchè non adatta a giocare come lui voleva,sicuramente non gli presero i suoi giocatori ma un allenatore bravo cerca di arrangiarsi con quello che ha e per far capire quanto ho ragione quella squadra in mano a Ranieri arrivò ad 1 punto dal milan capolista ma no per un breve periodo ma alla 2°o 3° di ritorno poi nel mercato invece di arrivare Tevez come sembrava sono partiti Coutinho e Motta e da li iniziò il declino.Tornando a lui,non voleva Sneijder ma vi rendete conto che razza di giocatore fosse Wesley?Come puoi pensare di fargli fare il regista?Ora il suo gioco il trequartista che allora non voleva c’è l’ha ed è Gomez!!!!Per farvi capire meglio Mou il 1° anno è arrivato con delle sue idee voleva fare 433 ma capi’ subito che Mancini e Quaresma non erano buoni e che Cruz Crespo erano avviati al viale del tramonto ed eppe l’Intelligenza di tornare a giocare come Mancini e vinse ancora e vi dirò di più se l’ultimo giorno di mercato di Gennaio si realizzava lo scambio Milito Crespo Cruz festeggiavamo la champions un anno prima!!!Tornando a Gasp io l’ho gufato dovunque è andato dopo ma quest’anno sto facendo il tifo per lui ho pure scommesso ad Agosto che arrivava in Champions perchè mi piace cosa ha realizzato,ma ricordate che stava per essere licenziato anche qui,poi la svolta togliendo i vecchi che non riuscivano a fare quello che chiedeva e dentro Caldara Gagliardini Spinazzola Conti,Kessie ecc e svoltò,in un big questo non puoi farlo!!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. staffprimimes_14202555 - 1 anno fa

        Amico Drago
        all’Inter non non gli è stata data nessuna possibilità di organizzare il suo gioco, oltre a non avergli fatto mercato.
        Quello che mi dispiace è che successivamente ho risentito più volte Moratti parlare di Gasperini, tacciandolo di essere allenatore non adatto ad una grande, quindi rimpiangendo di averlo scelto e non invece di averlo esonerato. Questo magari spiega perchè anche tu lo hai gufato nelle successive esperienze post Inter, dove invece lui ha sempre dimostrato di essere un grande allenatore.
        In realtà Moratti – grande Signore ed innamorato dell’Inter – non era certo un intenditore ed abile gestore del club, attorniato da collaboratori incompetenti (Branca in primis,…).
        Vogliamo rapportare quanto ha speso nella sua gestione con i risultati ottenuti? e come ha lasciato l’Inter finanziariamente?
        Il triplete è arrivato quando un uomo solo a preso in mano la situazione….I precedenti scudetti dopo che la concorrenza italiana è stata annientata da calciopoli.
        Per tua informazione Quaresma lo ha voluto a tutti i costi Mou.
        Un interista

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy