Barcellona-Inter, Conte (Sky): “Oggi meritavamo di più, risultato non giusto. Arbitro? Situazioni indirizzate, serve rispetto!”

Barcellona-Inter, Conte (Sky): “Oggi meritavamo di più, risultato non giusto. Arbitro? Situazioni indirizzate, serve rispetto!”

Il tecnico nerazzurro mastica amaro per una partita persa giocando benissimo

di Simone Frizza, @simon29_

Dopo un primo tempo giocato in modo superlativo, Barcellona-Inter finisce 2-1 lasciando tanto amaro in bocca a tutto il mondo nerazzurro. I sogni nerazzurri sono stati spenti dalla doppietta di Luis Suarez, che ha permesso la rimonta dei blaugrana. Antonio Conte, ai microfoni di Sky, ha commentato così il match.

Ottima prestazione – “Ringrazio per i complimenti, anche se dopo una partita del genere meritavamo molto di più. Dovevamo capitalizzare di più le occasioni, abbiamo messo in seria difficoltà una squadra come il Barcellona. Siamo calati fisicamente nel secondo tempo, d’altronde è la sesta partita in pochissimi giorni. Sono un po’ amareggiato perché dispiace dirlo ma ho visto anche alcune situazioni un po’ indirizzate, e questo mi dispiace. Non parlo solo del possibile rigore su Sensi, ma di tanti episodi accaduti fin dall’inizio. Non mi va neanche di parlarne, in panchina abbiamo avuto una sensazione particolare”.

Arbitro – “Cosa mi ha detto quando mi ha ammonito? Niente, solo che alla prossima mi avrebbe mandato via. Sulla casacca c’è scritto ‘rispetto’, e io ho chiesto quello. Serve rispetto per chi viene qui e cerca di giocare a calcio cercando di fare meglio degli avversari. Il rispetto deve essere reciproco. Mi porto dietro una sensazione di amarezza, stiamo parlando di un arbitro internazionale, che ha esperienza, ha arbitrato anche l’ultima finale di Champions. Non è l’ultimo arrivato che si può far condizionare, è un arbitro top. Io parlo di una mia sensazione personale: detto questo la partita è stata ben giocata, abbiamo dimostrato di poter mettere in difficoltà il Barcellona e l’abbiamo fatto. Nel primo tempo dovevamo chiuderla, nel secondo un nostro calo fisico e la qualità degli avversari hanno fatto il resto. Non penso che il risultato di oggi sia giusto”.

Giocare alla pari – “Quello sicuramente, poi è inevitabile che giocando contro il Barcellona al Camp Nou paghi dazio in qualcosa. A me viene difficile parlare in termini positivi quando si perde, perché io la sconfitta la soffro”.

Condizione fisica – “Il problema è che per abbassare il possesso palla dell’avversario la palla devi averla tu. Il possesso nostro era finalizzato a far male all’avversario, a differenza loro. Però ci sono alcuni giocatori che hanno giocato tutte le partite, c’è un dispendio fisico e nervoso non indifferente. Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo anche a causa della forza dell’avversario, che ci ha tolto lucidità. I ragazzi hanno dato tutto, hanno mostrato coraggio e personalità. Sono contento, però alla fine abbiamo perso, quindi dobbiamo capire tutti che dobbiamo migliorare di più per cercare di non soffrire come oggi. Non dobbiamo tornare a casa contenti, abbiamo lasciato i tre punti e la situazione in Champions è compromessa. Dobbiamo crescere sotto tutti i punti di vista, quindi dobbiamo tornare arrabbiati per crescere”.

Futuro – “Ora ci lecchiamo le ferite di questa sconfitta immeritata. Al tempo stesso dobbiamo continuare a lavorare per essere ancora più forti in futuro. Noi abbiamo iniziato un percorso, tanti ragazzi non erano mai entrati in queste atmosfere e in questi campi. La sconfitta deve portarci rabbia”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Le PAGELLE di Barcellona-Inter: Sensi e Barella da urlo, Godin si perde Suarez. Lautaro-Sanchez, che intesa!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy