Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Bonolis: “Inter-Juve sarà una partita equilibrata. Eriksen ha piedi eccellenti ma poca grinta”

Uno dei tifosi nerazzurri più celebri ha parlato del match di Coppa Italia e di Eriksen

Mario Falchi

"Paolo Bonolis, grande tifoso nerazzurro, è stato intervistato da Radio Nerazzurra, dove è analizzando la sfida di Coppa Italia che vedrà di fronte Inter e Juve e la situazione di Christian Eriksen. In seguito le parole.

"SFIDA INTER-JUVE - "Per le possibilità di passare il turno direi 50% e 50%. Dipende da come si svilupperanno le partite, è ovvio. Nel calcio sono talmente tante le variabili: dalla condizione fisica dei giocatori, dall'impegno messo in campo, da dall'arbitro e dalle circostanze fortuite. Sono tante cose per cui considerato il valore di entrambe le squadre direi 50-50. All'andata non ci saranno Lukaku ed Hakimi. Sono comunque due squadre che sono approdate alle semifinali con merito e sicuramente il percorso della Juve è stato un po semplificato dalle circostanze delle qualificazioni delle altre partite, il nostro più complesso. Ma la Juve ha anche altri impegni oltre alla Coppa Italia e al campionato, ha anche la Champions. Quindi è tutto da vedere, ma sarà una bella sfida".

"CHANCE DALL'INIZIO PER ERIKSEN - "Difficile dirlo perché queste son cose che valuta l'allenatore. Eriksen è un giocatore che ha indubbiamente delle grosse qualità tecniche e di visione di gioco. Al contempo ha un'indole in campo che è diverso da quello che chiede Conte. Lui non ha questa propensione al recupero del pallone e all'impatto fisico nel contrasto. È più un eccelso danzatore. Io lo vedo sempre seguire l'avversario con la palla ma difficilmente mette il piede, difficilmente entra ma non è proprio nella sua indole. Credo che questo lo abbia penalizzato agli occhi di Conte perché poi indiscutibilmente il giocatore il gioco lo vede e ha piedi eccellenti. Su questo è indubbio. Però questo aspetto del suo comportamento in campo per Conte è una asticella che o deve superare il giocatore o superare psicologicamente l'allenatore".