Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

BRANCA MOURINHO

Branca: “Mourinho darà lustro alla Serie A. All’Inter andò oltre ogni aspettativa”

Marco Branca, Getty Images

L'ex direttore sportivo nerazzurro consentì l'arrivo a Milano dello Special One

Antonio Siragusano

Intervistato questa mattina sulle pagine del Corriere dello Sport, Marco Branca - ex direttore sportivo dell'Inter - ha commentato il ritorno in Serie A di José Mourinho. L'ex dirigente nerazzurro era stato il principale artefice insieme a Massimo Moratti per lo sbarco dello Special One sulla panchina interista nell'estate del 2008, al termine della prima era di Roberto Mancini a Milano. In merito alla prossima esperienza del portoghese alla guida della Roma, Branca si è detto entusiasta per le grandi potenzialità sia del tecnico che della piazza. Queste le sue parole:

Branca, qual è stata la prima reazione quando ha saputo che la Roma aveva preso Mourinho?

"Una grande soddisfazione perché credo che lui abbia scelto la piazza giusta. Anzi, perfetta. Roma è piena di passione, di voglia di riscatto ed è affamata di calcio. In un ambiente del genere José rende al massimo perché è un tecnico che vive di stimoli. Più ne trova all’esterno e più il suo rendimento cresce".

Quando lei e Moratti lo sceglieste, vi aspettavate che i risultati sarebbero stati così trionfali?

"Solo immaginarlo era complicato. Anzi, direi utopistico. Detto questo, con l’Inter ha realizzato un’impresa storica e ci ha permesso di diventare l’unico club italiano a centrare il Triplete".

MADRID, SPAIN - MAY 22:  Head coach Jose Mourinho (L) and president Massimo Moratti of Inter Milan celebrate their team's victory at the end of the UEFA Champions League Final match between FC Bayern Muenchen and Inter Milan at the Estadio Santiago Bernabeu on May 22, 2010 in Madrid, Spain.  (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Quali sono i pregi del Mourinho allenatore?

"Ha una grandissima dedizione al lavoro: non si stanca mai di stare sul campo o nel suo ufficio a cercare la soluzione migliore agli eventuali problemi. Nella sua testa c’è il desiderio di ottenere i migliori risultati possibili ovvero di vincere".

E i pregi dell’uomo?

"E’ una persona leale e sincera che vive di calcio e dedica una grande fetta della sua giornata alla squadra per la quale lavora. Come tutti ha degli sbalzi d’umore che però si ricompongono nel giro di 24 ore e che sono dettati delle emozioni che il calcio trasmette".

La Serie A con Mou diventerà più affascinante?

"Credo di sì perché è un personaggio che nel mondo del calcio è universalmente conosciuto, uno degli allenatori che ha vinto di più degli ultimi 20 anni, un fuoriclasse. Darà lustro al nostro campionato".

A chi dice che Mourinho dopo gli esoneri con il Chelsea, lo United e il Tottenham è un po’... passato di moda, cosa risponde?

"Che è tutto meno che... finito. Al Tottenham non è andato bene, ma allo United e al Chelsea ha vinto, come del resto al Real, all’Inter e al Porto. Per José parla la bacheca dei titoli".