Canuti: “Inter, per lo Scudetto puoi giocartela. Milan, meglio senza pubblico. Rabbia Eriksen? E’ un bene”

Sabato prossimo nerazzurri e rossoneri in campo per il derby d’andata

di Lorenzo Della Savia

Si gioca tra una settimana, e mai come questa volta la settimana del derby sarà utile a capire come ci arriveranno, Inter e Milan, alla stracittadina: una partita su cui incideranno mille fattori più dei mille che in tempi normali influiscono su una partita del genere, con delle gare nazionali ancora da disputare e con un conteggio dei positivi tra le due squadre – per ora siamo a quattro all’Inter e a due al Milan – da tenere d’occhio giorno dopo giorno. E del derby e non solo del derby, ai microfoni di Radio Sportiva, ha parlato Nazzareno Canuti.

Canuti, ex giocatore dell’Inter tra il 1975 e il 1982 (oltre al periodo alle giovanili) e del Milan nel 1982-1983, ha commentato l’avvicinamento delle squadre alla gara di sabato prossimo. A partire dai rossoneri: “Il Milan senza il pubblico è cresciuto, forse gli ha giovato giocare senza patemi, ha trovato l’equilibrio”. Sull’Inter, la sua opinione è la seguente: “L’anno successivo a quello in cui arrivi secondo la speranza è quella di giocartela – spiega – La favorita è ancora la Juve, i nerazzurri sono agguerriti e rinforzati, ma l’Atalanta non è da meno. Certo questo Covid non ci voleva, falsa un po’ le cose”.

Infine, una battuta va alle recenti dichiarazioni di Christian Eriksen in merito al proprio impiego con la maglia nerazzurra, che hanno scatenato un certo dibattito nelle ultime ore. Canuti, sull’argomento, si esprime così: “Sono contento quando i giocatori si arrabbiano se non giocano come ha fatto Eriksen, dimostrano di tenerci”, ha chiosato.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy