Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Gabigol: “Inter? Poco spazio, sempre rispettato le decisioni. Ora posso giocare ovunque! Voglio la Libertadores e la Nazionale”

L'attaccante brasiliano di proprietà nerazzurra ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di As

Raffaele Caruso

"Gabriel Barbosa è sicuramente l'uomo del momento in Brasile. Dopo il fallimento europeo con la maglia di Inter e Benfica, l'attaccante brasiliano è tornato ad incantare in patria con la maglia del Flamengo. Primo nel Brasilerao e nella classifica marcatori, con i due titoli ormai ad un passo. Ma non solo, perché Gabigol si giocherà anche la Copa Libertadores in finale contro il River Plate.

"L'attaccante di proprietà dell'Inter ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di As: "Ho imparato molto durante l'Italia, anche se avevo poche opportunità. Sono arrivato molto motivato, ho sempre lottato per allenarmi, cercando di capire la filosofia di ogni allenatore in un nuovo ambiente per me. Forse se avessi giocato con continuità il risultato sarebbe stato diverso. Ho sempre rispettato le sue decisioni, anche se sapevo che avrei potuto giocare più frequentemente".

"Gabigol non ha mai gettato la spugna:"Non ho mai abbassato la testa. Conosco il mio potenziale e ho dovuto continuare a lavorare per avere opportunità. In effetti, il mio periodo in Portogallo è stato molto veloce ma mi ha fatto capire che dovevo sorridere di nuovo, fare ciò che mi piace di più e sempre con la testa alta. Non mi sono mai arreso".

"Spalle coperte: "La mia famiglia è alla base della mia crescita e sarà sempre così. I miei genitori in particolare. Posso solo ringraziarti per tutto il supporto e per loro ho un tatuaggio sulla schiena. Alle delusioni preferisco non prestare attenzione a loro. Tutto serve come insegnamento".

"Cosa non è andato in Europa:"Oggi, qualche anno più vecchio, mi sento più maturo, più preparato. Certo, a quel tempo ero più giovane ed è normale che un ragazzo impieghi un po' più di tempo per assimilare una nuova cultura e diversi metodi di lavoro. Ho avuto due grandi stagioni in Brasile e ora mi vedo come un altro giocatore: più maturo, concentrato e evoluto tecnicamente, tatticamente e fisicamente".

"Nessun rimorso: "Non mi piace parlare di rimpianti perché se avessi cambiato alcuni dettagli della mia carriera il resto sarebbe diverso. La vita è fatta di scelte e rischi per tutti".

"Futuro ancora in Brasile? "Il Brasileirao è uno dei più contestati al mondo. Essere il capocannoniere dell'anno scorso è stato molto importante nella mia carriera e spero di ripeterlo. È il risultato di un duro lavoro e aiuta a mostrare la mia evoluzione. Mi sento pronto a giocare in Brasile, Inghilterra, Germania, Spagna ... ovunque".

"Il campionato spagnolo: "La Liga è un grande campionato, molto famoso in Brasile da sempre, e provo persino a vederlo quando posso. Ha grandi giocatori, probabilmente i migliori al mondo, e squadre di potenziale mondiale come Barça, Madrid, Atlético, Sevilla, Valencia ... È uno stile di calcio che mi piace perché è molto veloce, dinamico e di alto livello tecnico".

"Testa alla finale di Libertadores contro il River Plate: "È un momento molto speciale per Flamengo, immagina che i tifosi aspettano questo momento da 38 anni, dal titolo del 1981, vivano questa finale. Dobbiamo offrire la nostra migliore versione di gruppo. È qualcosa di magico, i fan sono molto emozionati. River ha una grande squadra, è il campione attuale e sarà un avversario molto duro, ma abbiamo giocatori di alta qualità e entreremo al cento per cento. Il River è una squadra di grande esperienza che ha vinto titoli continentali negli ultimi anni. Giocano insieme da molto tempo, quindi sa affrontare momenti decisivi. Sappiamo che è sempre difficile giocare contro di loro ma mostreremo le nostre qualità. Sarà una partita per la storia. Vogliamo la coppa! Ci sono 40 milioni di fan pronti a festeggiare!".

"La Nazionale brasiliana: "E' sempre un sogno. Ho avuto l'opportunità di tornare quest'anno ed è sempre un privilegio servire il mio paese. La Copa América è un obiettivo, ma preferisco tenere i piedi per terra con il lavoro quotidiano, perché so che tutto sarà il risultato di ciò che ottengo nel mio club. Sarò sempre pronto a rappresentare il Brasile in qualsiasi competizione".

https://www.passioneinter.com/notizie-nerazzurre/inter-news-live/