Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Genoa-Inter, Marotta (Sky): “Delusi dalla Uefa per la gestione del caso Hakimi. Scudetto? Impresa difficile, la concorrenza è agguerrita”

L'amministratore delegato intervistato nel pre partita di Marassi

Antonio Siragusano

"Torna in campo l'Inter in campionato dopo la deludente sconfitta dello scorso sabato nel derby della Madonnina contro il Milan. La formazione nerazzurra, che ha raccolto un solo punto nelle ultime due partite di Serie A, incontra questo pomeriggio il Genoa nell'anticipo delle 18.00 di Marassi. Per la società nerazzurra, ecco le parole dell'amministratore delegato Beppe Marotta nel pre partita del Ferraris ai microfoni di Sky Sport che ha commentato lo strano caso legato alla falsa positività di Hakimi.

 @Getty Images

"HAKIMI - "C'è delusione e rammarico per come sono andati i fatti e per le decisioni subite, la mattina della gara il giocatore era negativo e il pomeriggio era positivo. Non è un alibi, ma questo ha creato scompensi alla preparazione della gara. In futuro la Uefa dovrà essere più precisa. E' stato riabilitato grazie ai due tamponi che sono stati realizzati nel rispetto del protocollo".

"LA PARTITA -"Qualsiasi tipo di consultivo stilato in questa fase è provvisorio. Oggi siamo all'inizio di un torneo, abbiamo terminato il 20 di agosto e abbiamo subito qualche condizionamento. Abbiamo dovuto combattere con questa epidemia, non deve diventare un alibi ma qualche scompenso lo abbiamo avuto".

"CICLO -"Vincere lo scudetto è un'impresa difficile, la concorrenza è molto agguerrita ed è normale che ogni anno si parte per ottenere il meglio. Poi il fatto di avere indicato una data significa aver stabilito un termine, ma darei fiducia, siamo contenti del percorso intrapreso e andiamo avanti con l'obiettivo di vincere".

"TURNOVER -"Questo è sicuramente un momento della stagione di grande stress competitivo, di recente ci sono stati anche gli impegni della nazionali e l'allenatore si trova nella condizione di dover dosare i calciatori. Sia per inconvenienti legati ad infortuni che legati al Covid, deve cercare di mettere in campo una formazione che tiene conto di questi impegni ravvicinati e martedì ci sarà l'impegno di Champions a Kiev".