La rinascita di Ranocchia: ”Ecco come ho cambiato il giudizio dei tifosi. Eternamente grato a Spalletti, Conte è davvero forte”

La rinascita di Ranocchia: ”Ecco come ho cambiato il giudizio dei tifosi. Eternamente grato a Spalletti, Conte è davvero forte”

Il difensore nerazzurro è stato uno dei protagonisti dell’ultima giornata de Il Festival dello Sport a Trento

di Raffaele Caruso

Andrea Ranocchia è stato uno degli ospiti dell’ultima giornata de Il Festival dello Sport di scena a Trento organizzato da La Gazzetta dello Sport. Il difensore nerazzurro ha affrontato diversi tempi, partendo dalla rinascita fuori e dentro al campo raggiunta grazie anche all’aiuto del suo mental coach. Ecco le sue parole riportate da Tuttomercatoweb: ”Il primo incontro? Ero stordito, le cose brutte poi tendi a cancellarle. Facemmo prima una chiacchierata e poi decidemmo di proseguire insieme a seguito di un impatto molto positivo. Non è facile chiedere aiuto, devi fare un lavoro introspettivo. Non avevo altri modi che chiedere aiuto, ci vuole umiltà e consapevolezza del fatto che puoi anche non farcela da solo. Ho avuto la fortuna di incontrarlo. Ora sto benissimo e quel periodo è ormai passato”.

I primi passi:La fiducia è fondamentale. Il concetto di professionalità è molto importante, lavoravamo ogni giorno. Un percorso a piccoli passi in cui abbiamo ricostruito ciò che avevo perso. Primi risultati? Quelli dell’Inter speriamo quest’anno (ride, ndr). Ho cambiato modi di vivere gli allenamenti, gestire lo stress, affrontare gli eventi con cattiveria. Abbiamo lavorato su tantissimi aspetti con alcune sedute di box. Un paragone quotidiano con me stesso. Negli ultimi anni non ho giocato molto, ma comunque bene. Il pubblico ha iniziato ad apprezzare gli atteggiamenti corretti, da atleta professionista. Sono insomma riuscito a far cambiare idea a quasi tutti i tifosi, non tutti perché certo, gli haters ci sono sempre. La vittoria più grande non è la fama o il pubblico che ti ama. Conta di più essere tornato Andrea. A gennaio saranno dieci anni di Inter, quando i veterani lasciarono, mi son trovato io a dover rappresentare un gruppo che in quel periodo non andava affatto bene. Con chi dovevano prendersela i tifosi se non con me. Non capivo cosa stesse accadendo, quando sei in mezzo alla tempesta stai fermo e aspetti che passi il prima possibile. Ma se dura tanto, sei costretto a trovare un modo per uscirne. È stata comunque una esperienza incredibile che mi ha fortificare. Indossare la fascia di capitano di una delle dieci squadre più importanti al mondo, è qualcosa che potrò raccontare a mio figlio. Non è da tutti passare tutti questi anni nella stessa società, con gli stessi colori. Uno dei lavori che abbiamo fatto con Stefano è stato proprio quello mentale. Cosa fare e pensare prima di toccare il pallone. Il merito resta quello di dare tutto, il cento per cento. Di più non puoi fare e perciò dopo non puoi neppure rimproverarti nulla”.

Il legame con Spalletti: “Attacco al tifoso che mi criticava? Fortissimo il mister. In qualche modo era riuscito a mettere un punto. Quell’episodio fu ripreso da tutti. Ci sentiamo spesso anche oggi, siamo rimasti in ottimi rapporti, lo ringrazierò per tutta la vita. Appena arrivato si scontrò pubblicamente e nessuno lo aveva mai fatto prima. Mi ha fatto sentire importante per la società. La rappresentava in quel momento, perciò è stato fondamentale”.

La tappa in Premier League:L’Hull City è stata una scelta per rigenerarmi e ricaricare definitamente le pile. Il mister mi disse ‘proviamoci’ e perciò accettai di andare in Inghilterra. Quello è un calcio fisico che mi ha aiutato molto e maturato come calciatore”.

Capitan Handanovic: ”Mai visto un professionista così, davvero incredibile, un capitano vero. A me infastidisce quando mi chiamano così, capitano. La fascia la porta Samir. San Siro? Segnare in quello stadio è qualcosa di incredibile. Al tifoso interista, se dai tutto, ti dà tutto. Compagni? Con loro ho un buonissimo rapporto, scherzo nello spogliatoio, si vede che qualcosa dò se vengono ad abbracciarmi tutti dopo un gol”.

Ora c’è Conte:Lo conosco da tantissimi anni, abbiamo sempre avuto un grandissimo rapporto. Ci fa correre tantissimo e di fatti sono in grande forma. Dà tutto, migliora tanto i giocatori e per questo è un allenatore davvero forte. Se hai la fortuna di essere allenato da lui in carriera, migliori sicuramente. Speriamo quest’anno di alzare finalmente qualche trofeo”.

San Siro: Segnare in quello stadio è qualcosa di incredibile. Al tifoso interista, se dai tutto, ti dà tutto”.
Compagni di squadra: “Con loro ho un buonissimo rapporto, scherzo nello spogliatoio, si vede che qualcosa do se vengono ad abbracciarmi tutti dopo un gol”.
‘Save The Nature, Sports for Nature’: Per me l’aspetto ambientale è di primaria importanza. Si fa ancora troppo poco e spero che la politica nel mondo riesca a mettere un punto e risollevare la situazione. Si parla di tasse e redditi, ma se un giorno non dovessimo più disporre di acqua potabile ed elementi fondamentali per la vita, del resto non ce ne facciamo proprio nulla”.
Futuro del calcio: “È diventato tutto un business, in Italia vige soltanto l’esasperazione. Sarà sempre più complicato se non si farà qualcosa di importante“.

 

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Infortunio Sanchez, le ultime sulle condizioni del cileno

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy