Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

GdS – Lukaku inarrestabile, resilienza alla sconfitta, Hakimi e gli altri: per la Champions l’Inter sa come fare

Romelu Lukaku, Getty Images

I nerazzurri costretti a vincere contro lo Shakhtar per evitare di complicarsi la vita

Lorenzo Della Savia

"Domanda: può la classifica di un girone complicarsi dopo appena una partita giocata, con cinque ancora da disputarsi? Secondo La Gazzetta dello Sport e Fabio Licari la risposta è sì, e il giornalista lo spiega in un editoriale pubblicato sull'edizione odierna del quotidiano rosa, dove, appunto, si legge che "il pari scomodo con il 'Gladbach" "ha un po' complicato la classifica". Ma i nerazzurri hanno un'arma dalla loro parte: il calendario. Scrive infatti sempre Licari: "Il calendario offre l'occasione per rimettere le cose a posto proprio contro lo Shakhtar che s'è preso Valdebebas (e per poco non si portava via Zidane) ma soltanto due mesi fa era stato letteralmente distrutto (0-5) dall'Inter in Europa League".

"Resta, quindi, da capire con quale approccio si presenteranno i nerazzurri alla partita: "Nel pallone non esiste proprietà transativa, non c'è una partita uguale all'altra, ma l'Inter sa come fare (e anche il Real, con Ramos, sarebbe stato diverso) - continua l'editoriale - Prende più gol del dovuto ma è resiliente alla sconfitta, sta cercando un equilibrio tattico non facile a centrocampo (meglio Vidal davanti alla difesa e Barella incursore) e si gode un Lukaku inarrestabile".

"Dall'altro lato, però, qualche perplessità - ormai conclamata - continua a destarla la posizione di Eriksen negli schemi e nella rosa di Antonio Conte. Parola, come sempre, a Licari: "Conte non ha mai avuto un 10 (la prima mossa alla Juve fu rifiutare Pastore) e il danese ha bisogno di contesti meno 'spiritati', farebbe la stessa fatica con Mou". Infine, un altro sguardo più da vicino alla sfida di domani: "Lo Shakhtar non vince in Champions in casa da sei turni perché una casa non ce l'ha, costretto a traslocare a Kharkiv, l'Inter con Hakimi (e non solo) è più forte che in agosto - continua - E poi attenzione: una sconfitta obbligherebbe allo spareggio con il Real", avverte Licari. E quest'ultimo sì, pare proprio un buon motivo per cercare di vincere a tutti i costi, domani.