Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Lucio: “L’Inter merita di stare lì. Conte? E’ l’uomo giusto. Difesa top, mi rivedo in de Vrij. E Lukaku…”

Lucio, Getty Images

L'eroe del Triplete omaggia Mourinho: "Mi ha dato una fiducia unica, è davvero entrato nella mia testa"

Raffaele Caruso

"Lucio, ex difensore brasiliano e pilastro della squadra del Triplete targata Mourinho, si è concesso ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare dell'Inter di Conte e dei suoi punti di forza.

"Ecco le parole: "Forza fisica, transizione rapida dalla difesa all’attacco, solidità dietro e poi quella coppia eccezionale davanti... Spero solo che abbia anche i nostri stessi successi. Purtroppo, la vedo meno di quanto vorrei, ma quanto basta per notare quanto sia forte. E quanta fiducia abbia. L’Inter si merita di stare lì: se mantiene questa regolarità fino alla fine, è destinata a far terminare il dominio Juve".

"Conte allenatore: "Ricordi? Pochi, perché ho passato solo sei mesi con lui alla Juve, ma era un allenatore esigente a cui piaceva lavorare molto. E poi sapeva concentrarsi benissimo sulla parte fisica: questo aspetto è decisivo per creare squadre così competitive come le sue. E quanti video ci faceva vedere sia prima che dopo i match! Mi sembra l’uomo giusto per riportare l’Inter alla vittoria e per costruire una solida carriera a Milano. È un po’ strano vederlo lì visto il suo passato, ma nel calcio contano i risultati. E lui li sta ottenendo".

"La forza della difesa: "Ai nostri tempi era così: non solo noi difensori, ma tutta la squadra riusciva ad aiutarci con una compattezza unica. Anche questo reparto dà molta tranquillità: sia Skriniar che Bastoni sono difensori moderni, ma De Vrij è quello che più mi somiglia. Mi rivedo in lui sia in marcatura, sia in certi movimenti con la palla. Il campionato è così competitivo che c’è naturalmente una cultura tattica e difensiva. Attraverso le grandi difese costruisci gli attacchi e l’Inter ne è un esempio".

"Lukaku infermabile:"Ha una forza fisica incredibile, ma la usa non solo per sé, anche per gli altri. Segna ed è pure generoso: a me ricorda molto Drogba e un po’ pure Ibra. Marcarlo è complicato perché schiaccia quasi tutti i difensori. Se la metti sul fisico, sei morto: l’unico modo è stare attento al corpo a corpo e tentare l’anticipo con scelta di tempo".

"Il segreto del Triplete:"L’inizio, i primi giorni, perché il successo è nato là. C’era un’atmosfera speciale e devo ringraziare Julio Cesar, Thiago Motta, Maicon che mi avevano subito accolto. Ma anche gli argentini come Cambiasso, Zanetti o Samuel. Siamo legati per la vita perché è un trionfo incancellabile: non ci stancheremo mai di parlarne. Ma un pensiero va sempre a Mourinho: mi ha dato una fiducia unica, è davvero entrato nella mia testa".

tutte le notizie di