Matthaus: “Ho l’Inter nel cuore, i quattro anni passati qui restano i più belli della mia carriera”

Matthaus: “Ho l’Inter nel cuore, i quattro anni passati qui restano i più belli della mia carriera”

L’ex centrocampista nerazzurro è stato inserito nella Hall of Fame del club

di Donato Cerullo, @donatocerullo

Lothar Matthaus ha rilasciato un’intervista a Inter TV nel giorno della premiazione della Hall of Fame nerazzurra, dove è stato inserito come miglior centrocampista della storia del club, insieme a Walter Zenga (Miglior portiere), Javier Zanetti (Miglior difensore) e Ronaldo (Miglior attaccante): “Sono sempre contento quando posso tornare in Italia, specialmente a Milano, e quando posso andare a San Siro a veder giocare la mia squadra”.

PALLONE D’ORO “Si tratta di un riconoscimento che si può vincere solo con una buona squadra, perché per ottenerlo servono titoli. In quegli anni giocavo con due grandi squadre come l’Inter e la Germania. Il Pallone d’Oro non è infatti un premio al singolo, ma anche ai compagni che mi aiutarono: tutto ciò mi ha consentito di poterlo alzare a San Siro nel 1990”.

COPPA UEFA 1991“Prima della finale con la Roma, giocammo tante buone partite. Penso a quella col Partizan, ad esempio, o al primo turno col Rapid Vienna: perdemmo in Austria e in Italia arrivammo ai supplementari. Furono sempre risultati in bilico, come pure con l’Aston Villa. Ciò dimostra il fatto che quella squadra si distingueva prima di tutto per la sua eccezionale mentalità. La finale? In casa vincemmo 2-0, al ritorno sbagliammo nella tattica giocando troppo in difesa, con la Roma che poteva fare il terzo e quarto gol: poi fummo fortunati e abbiamo vinto il trofeo, un titolo importante perché l’Inter tornava dopo 30 anni a vincere in campo internazionale, e si trattava perciò di un qualcosa di storico”.

INTER – “L’Inter ha una storia lunga e ricca di grandi giocatori: penso a Beccalossi e ad altri grandi che erano qui alla festa con me. La cosa più bella per me è appunto esser stato qui, in una famiglia fatta di amici ed ex compagni. Ciò conta ancor di più della premiazione nella Hall of Fame nerazzurra. Qui ho vinto titoli: i tifosi mi hanno nel cuore e io ho l’Inter nel cuore. Io sono tedesco, ho giocato molti anni in Germania, ma i quattro anni passati qui restano i più belli della mia carriera”.

LEGGI ANCHE – Rinnovo Icardi: pronta una clausola da 220 milioni?

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

MAURO ICARDI, 100 GOL IN SERIE A MA PER L’INTER È SOLO L’INIZIO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy