Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

INTER CAMPIONE

Milito: “Ho festeggiato lo Scudetto. Mou-Roma? Un bene per il calcio italiano”

Lo Special One ha firmato oggi il proprio contratto con i giallorossi

Lorenzo Della Savia

Basta voltarsi un attimo indietro e l'Inter del Triplete è lì, esiste ancora: è l'ultima Inter veramente vincente prima del ritorno al trionfo datato 2021, e il giocatore simbolo di quell'epoca non può non essere Diego Milito. Il quale, oggi, ai microfoni di Sky Sport, ha parlato proprio dello Scudetto vinto domenica scorsa dall'Inter di Antonio Conte: "Se ho festeggiato lo Scudetto anche io? Certamente - ha affermato - Sono molto felice per tutta la società e per i tifosi. Dopo 11 anni ci voleva e siamo tutti felicissimi. Ci voleva dopo tanto tempo senza riuscire nemmeno a lottare per il titola, una squadra come l'Inter ha il dovere almeno di provarci. Questo Scudetto porta la Juventus alla fine di un percorso vincente dopo nove anni. E' uno Scudetto molto sentito e anche molto meritato per i nerazzurri".

Un altro uomo del giorno, intanto, è José Mourinho, annunciato oggi come nuovo allenatore della Roma a partire dalla prossima stagione. Ed è impossibile non pensare al tecnico portoghese, sempre se ci si volge all'indietro: "Un paragone con l'Inter di Mourinho? A me non piacciono i paragoni, ognuno ha il proprio stile e la propria mentalità - ha continuato Milito - Dall'esterno vedo un feeling enorme tra allenatore e giocatori che è una cosa importantissima per poter vincere qualcosa. Conte è un grandissimo allenatore, per quanto fatto finora. Spero l'Inter inizi un ciclo vincente, lo meritano i tifosi e la società".

Una battuta, poi, Milito, la dedica anche alla nuova avventura dello Special One nella Capitale: "Credo che sia molto positivo per il calcio italiano - afferma - Mi sareebbe piaciuto che lui tornasse all'Inter, ma noi gli vogliamo molto bene e vogliamo che faccia bene ovunque, ovviamente nel mio caso spero non faccia bene contro l'Inter e contro il Genoa. Avere un allenatore così in Italia però ti fa fare un salto di qualità. Lavorare con Mourinho? Ho grande stima per lui, ma non lo so. Lui ha un grande staff immagino, non abbiamo mai parlato di una possibilità del genere".