Le PAGELLE di Benevento-Inter 1-2: il ritorno di EpicBrozovic, male la gestione della partita

Vittoria meritata per i nerazzurri ma gestita non al meglio: voti e commenti alle prestazioni dei 14 impiegati da Spalletti. Un Benevento coraggioso trascinato da D’Alessandro esce sconfitto dal Vigorito

di Andrea Gervasi, @gervasi_andrea

LE PAGELLE

Ecco i voti e le pagelle di Benevento-Inter a cura della redazione di passioneinter.com

.

Voto alla partita 6 – Primo tempo interamente di marca nerazzurra con gli ospiti che si proiettano con insistenza in fase offensiva prima trovare la via del gol con Brozovic. Il Benevento risponde con qualche acuto in contropiede e da uno di questi arriva la rete di D’Alessandro che riapre il match. Nella ripresa i padroni di casa si rendono pericolosi in un paio di occasioni, sempre su disattenzioni della retroguardia nerazzurra. Tutto sommato una partita piacevole.

Voto alla squadra 5,5 – Primo tempo da applausi per i nerazzurri che si portano subito in doppio vantaggio con un super Brozovic ma poi peccano in fase di controllo del match. Troppi spazi al Benevento che colpisce in contropiede con D’Alessandro. Nella ripresa la situazione non cambia: i nerazzurri provano a gestire il risultato concedendo, però, qualche contropiede di troppo ai giallorossi che sfiorano il pareggio in diverse occasioni.

_________________________________________________________________________________

HANDANOVIĆ 6 – Viene impegnato poco dagli avversari ed in quelle poche occasioni risponde sempre presente. In occasione del gol riesce soltanto a sfiorare il pallone spingendolo sulla parte interna del palo prima di finire in rete.

D’AMBROSIO 6 – Buona prestazione per lui che viene impegnato diverse volte dalle discese di D’Alessandro sulla sua fascia. Ordinato in fase difensiva e propositivo in quella offensiva.

ŠKRINIAR 6 – Un muro al centro della difesa nerazzurra, trasmette solidità a tutto il reparto e non solo. Uno scivolone al momento di calciare gli nega la gioia del possibile gol, il secondo dopo quello di Crotone.

MIRANDA 5,5 – Qualche disattenzione di troppo per un giocatore del suo calibro e, da una di queste, ne scaturisce il gol di D’Alessandro che accorcia le distanze e rianima il Benevento.

NAGATOMO 6 – Attento in difesa sulle offensive di Lombardi che, di fatto, non riesce mai a rendersi pericoloso. Sfrutta la sua velocità per proporsi in fase offensiva e supportare Perišić. Prestazione che di certo non ha fatto rimpiangere Dalbert.

-> Dal 40′ st DALBERT sv – Entra in campo a pochi minuti dal triplice fischio senza riuscire a lasciare il segno

BORJA VALERO 6 – Gestisce bene la manovra nerazzurra con un pizzico di personalità in più rispetto alle ultime due partite. L’azione inizia sempre dai suoi piedi ma può poco se i compagni non si muovono liberandosi dalle rispettive marcature.

-> Dal 33′ st GAGLIARDINI sv – Pochi palloni giocati dal suo ingresso in campo, praticamente quasi mai chiamato in causa.

VECINO 5,5 – Seconda consecutiva da titolare per l’uruguaiano che sfodera una prestazione ordinata. Sempre presente in mezzo al campo supporta bene le manovre di Borja Valero. Potrebbe e dovrebbe fare di più in fase offensiva facendosi vedere in avanti con maggiore convinzione.

CANDREVA 6 – Solita prova di corsa e determinazione. Ad inizio partita fa capire subito a Letizia che non avrà vita facile sulla fascia destra con una bella cavalcata. Nomade sulla trequarti: parte a destra, si accentra spesso, trasloca sulla sinistra da dove tira fuori il cross per il primo gol di Brozovic, poi ritorna nella posizione d’origine.

-> Dal 6′ st, JOAO MARIO 5,5 – Spalletti gli preferisce Brozovic sulla trequarti ma entra dalla panchina e prova a mettersi in mostra con qualche azione personale. Manca di personalità in certe occasioni e appare spaesato in mezzo al campo senza trovare una precisa posizione.

BROZOVIĆ 7 – Riconfermato alle spalle di Icardi, ripaga la fiducia concessagli dal mister con due gol ed una prestazione degna di nota. Sempre in movimento sulla trequarti giallorossa non dà punti di riferimento agli avversari che non riescono mai a prendergli le misure. Cecchino sul gol del raddoppio.

PERIŠIĆ 5,5 – Sempre pericoloso con la sua velocità e i suoi dribbling oltre ad un piede sempre pronto a ricercare l’eurogol dalla distanza. Si accende nel finale con alcune potenziali occasioni da gol, ma prima Belec e poi la difesa beneventana glielo negano.

ICARDI 6 – Corre tanto e gioca al servizio della squadra facendo, però, mancare la propria pericolosità sotto porta. Trova il gol, in una delle rare occasioni avute, ma il guardalinee sbandiera l’offside.

SPALLETTI 6 – Sceglie ancora di affidarsi all’estro di Brozovic per supportare capitan Icardi ed il croato lo ripaga con due gol ed una prestazione maiuscola, degna di EpicBrozovic. Trova tre punti importanti per la classifica ma molto più per il morale della squadra in attesa anche del bel gioco che tanto cerca.

BENEVENTO (4-3-3): Belec 6; Venuti 6, Djimsiti 6,5, Costa 6, Letizia 6; Cataldi 5, Viola 5,5 (dal 39′ st Lazaar sv), Memushaj 5,5 (dal 21′ st Chibsah 6); Lombardi (dal 28′ st Parigini 5), Iemmello 5, D’Alessandro 7. All. Baroni 6,5

SCORRI LA SCHEDA E VOTA IL SONDAGGIO —>

LO SPETTACOLO DEL NUOVO CENTRO SPORTIVO SUNING

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy