Le PAGELLE di LAZIO-INTER 1-3: Andreolli e Candreva portano tre punti all’Inter

Le pagelle con voti e giudizi di Lazio-Inter 1-3

di Giorgio Crico, @gio_prankster

LE PAGELLE DI LAZIO-INTER 

Ecco i voti e le pagelle di Lazio-Inter a cura della redazione di passioneinter.com



.

Voto alla partita 6,5 – Nonostante tutto, un match godibile e non privo di motivi d’interesse, a cominciare dalla doppia espulsione o dall’inversione di tendenza clamorosa tra la prima mezz’ora di dominio biancoceleste e la seguente ora comandata dall’Inter.

Voto alla squadra 6,5 – Mezzo punto in più per il cuore di Andreolli e per i tentativi, inesistenti da mesi, di muoversi senza pallone. Non molto più di una sufficienza larga, però, perché permane l’inquietante sensazione che l’Inter non sappia davvero come ha fatto a vincere questa partita, cambiata da un autogol da Darwin Award (e quindi dal caso. Per non dire altro).

_________________________________________________________________________________

HANDANOVIĆ 6 – Ordinaria amministrazione per tutto il tempo. Gli abbiamo visto fare partite molto più interessanti.

D’AMBROSIO 6 – Inizia faticando come tutta la squadra e, sulla fascia, stenta a seguire Keita o Lulić. Poi Murillo si fa male e lo spostamento in mezzo consente al numero 33 di migliorare la sua prestazione.

ANDREOLLI 7 – Il gol che cambia completamente il verso della partita già vale una sufficienza abbondante. Poi, dietro, fa il suo, riuscendo anche a dirigere decorosamente i compagni di reparto. Non prende un voto ancora più alto perché pure lui pare non capirci nulla per tutti i primi 20′.

MURILLO 4,5 – Non ne azzecca mezza nemmeno per sbaglio. Poi, paradossalmente, si fa male e all’Inter – la sua uscita – fa solo bene. Dal 23′ SANTON 6 – Una partita veramente apprezzabile del laterale italiano, scomparso da mesi prima della riesumazione di oggi.

NAGATOMO 5 – Felipe Anderson lo disintegra più volte nel primo tempo, migliora nel secondo. Ma anche la partita di stasera attesta che il buon Yuto, ormai, è più una mascotte che altro.

GAGLIARDINI 6,5 – Torna la sua enorme personalità, torna una condizione fisica accettabile, torna il Gagliardini che abbiamo imparato a conoscere e amare.

MEDEL 5,5 – Un primo tempo orribile. La piega presa dalla ripresa gli consente di migliorare esponenzialmente, anche perché la superiorità numerica lo libera dal pressing che soffre tremendamente per tutta la prima mezz’ora. Dall’86’ BANEGA SV

BROZOVIĆ 6 – Una partita finalmente onesta del croato più svogliato del Belpaese. Probabilmente però è troppo tardi e non sarà certo questa partita a salvare un suo ormai improbabile futuro interista.

CANDREVA 7 – Probabilmente il migliore in campo con Andreolli.

PERIŠIĆ 5,5 – Cincischia per tutto il tempo.

ÉDER 6,5 – Fa quel che deve più che discretamente. Dall’81’ PINAMONTI SV – Una passerella per lui.

VECCHI 6 – La formazione che scende in campo gli dà abbondantemente ragione anche se, con tutta probabilità, con un extra da parte della dea bendata.

LAZIO (3-5-2): Vargić 4,5; Hoedt 4,5, de Vrij (59′ Basta 6), Wallace 5,5; Lulić 5, Luis Alberto 4,5 (67′ Lombardi 5,5), Biglia 5, Milinković-Savić 5, Felipe Anderson 5,5 (78′ Crecco SV); Keita 5,5, Immobile 5,5.
All. Inzaghi 5,5.

SANTON, GOL DOPO UN SUPER SLALOM IN ALLENAMENTO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy