Sconcerti: “Conte? Quanto attacchi chi ti paga vai in rotta di collisione. Ma il bilancio è buono, l’Inter ha un modello di squadra”

Il giornalista sviluppa una doppia analisi sul tecnico nerazzurro

di Antonio Siragusano

Quando si parla della stagione di Antonio Conte, bisogna sempre distinguere i risultati ottenuti sul campo dagli sfoghi di cui si è resto protagonista durante l’anno. Se in campionato è riuscito a raggiungere vette per certi aspetti anche al di sopra delle attese di inizio stagione, è pur vero che alcune situazioni potevano essere gestite diversamente, come ad esempio l’ultimo sfogo pubblico pronunciato in diretta tv nel post-partita di Bergamo in cui ha attaccato a viso aperto tutta la società. Su questo doppio filo, dunque, si è mossa l’analisi di Mario Sconcerti nell’intervista per calciomercato.com.

CAOS CONTE – “Conte ha cominciato criticando i giocatori per criticare la società. Poi ha criticato la società, ora ha attaccato il proprietario, ma questo lo porta davvero troppo lontano. Quando tu attacchi chi ti paga vai in rotta di collisione, è inevitabile”.

SVILUPPI – “Non lo so. La vera forza di Conte è che liquidarlo – e potrebbero farlo – costa parecchio. Certo, si può finire in Tribunale, ma ballano tanti soldi. Trenta milioni per mandare via un allenatore per prenderne un altro e mantenere a libro paga Spalletti mi sembrano tanti, anche se continuiamo a considerare il calcio una dolce favola. Certo, quello che sta accadendo giustificherebbe una conclusione di questo tipo. Conte ha forzato una situazione, quando dice ‘siamo arrivati secondi noi e non la società’ e quando dice ‘Zhang è sempre in Cina non siamo stati protetti’, allora si mette nella condizione di non tornare indietro”.

BILANCIO – “Lo giudico buono, certo all’interno di un campionato dove non c’era nessuno. Ha perso tre partite in meno della Juve (4 volte i nerazzurri, 7 i bianconeri). Ho visto un modello di squadra finalmente apparecchiato. Lui si sta ispirando molto a Gasperini perché questa è un’Inter che va di pressing, ma muove molti giocatori e ne porta parecchi in area”.

ASPETTATIVE – “A me piace molto Eriksen, ma sono uno dei pochi. Nel gioco attuale dell’Inter sarebbe perfetto, ma Conte vuole una mezzala pura con attitudini offensive, quindi per lui c’è poco spazio. Peccato, lo ritengo un gran giocatore”.

>>>Iscriviti al canale Youtube! Parla con noi ogni giorno in Diretta alle 19<<<

LIVE Calciomercato Inter – Il riscatto di Sanchez è a un passo. Conte ci ripensa: “Sono all’Inter per vincere”. Pressing su Tonali e Kumbulla

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy