Accadde Oggi – 15 ottobre 2017: Icardi stende il Milan e regala il primo derby a Spalletti

Il 15 ottobre 2017 l’Inter di Luciano Spalletti batte 3-2 il Milan di Vincenzo Montella grazie ad una tripletta messa a segno da Mauro Icardi

di Nunzio Corrasco, @ncorrasco

Il 15 ottobre 2017 l’Inter di Luciano Spalletti affronta il Milan di Vincenzo Montella nella prima stracittadina della stagione che rappresenta anche il primo derby da allenatore nerazzurro per il tecnico di Certaldo: il match si chiude con la vittoria 3-2 per la Beneamata, grazie alla tripletta messa a segno da Mauro Icardi.

A sbloccare la gara è l’Inter al 28′: discesa di Candreva sulla destra che serve al centro dell’area Icardi, con l’argentino abile a girare il pallone di destro e a battere Donnarumma. All’11’ del secondo tempo arriva il momentaneo parecchio di Suso: lo spagnolo batte Handanovic con un preciso sinistro che si infila nell’angolino alla destra del portiere sloveno. Passano solo 7′ e al 18′ della ripresa i nerazzurri tornano avanti: Perisic si invola sulla sinistra e fa partire un preciso cross per Icardi che di destro al volo non lascia scampo a Donnarumma e firma il gol del 2-1. Al 36′ nuovo pareggio del Milan, questa volta con Bonaventura: l’ex calciatore dell’Atalanta batte Handanovic in spaccata e riporta il derby in equilibro.

Mancano pochi minuti al termine e la stracittadina sembra destinata a chiudersi in parità, ma al 90′ arriva il gol del definitivo 3-2 di Mauro Icardi su calcio di rigore. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, infatti, Ricardo Rodriguez trattiene D’Ambrosio e per Tagliavento non ci sono dubbi: rigore per l’Inter che l’attaccante argentino non sbaglia, mettendo a segno la sua personale tripletta. 3-2 per l’Inter e Milano si tinge di nerazzurro.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Come sono andati i nerazzurri in Nazionale? Le ultime in vista del derby: chance per Eriksen?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy