GdS – Inter-Icardi, nonostante il FPF cessione più conveniente dopo il 30 giugno: ecco i motivi

GdS – Inter-Icardi, nonostante il FPF cessione più conveniente dopo il 30 giugno: ecco i motivi

Il bomber argentino non rientra più nei piani del club

di Simone Frizza, @simon29_

L’Inter e Icardi si separeranno durante il corso dell’estate. Questo è il punto fermo dal quale è necessario partire per ragionare in merito alle strategie con cui i nerazzurri condurranno il primo calciomercato targato Antonio Conte. Conte che non considera parte del suo progetto il bomber argentino, e non nasconde che il suo sogno sarebbe sostituirlo con Romelu Lukaku. Il centravanti belga, però, costa 70 milioni di euro, quindi il suo arrivo è strettamente legato alla partenza di Mauro. Cosa che, ad esempio, non riguarda Edin Dzeko, che arriverà all’Inter a prescindere dalla partenza del 9.

Fair Play Finanziario – Nonostante la maggiore semplicità nel coprire il 40 milioni di plusvalenze che l’Inter deve accumulare entro il 30 giugno, l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport sostiene che i nerazzurri preferiscano raggiungere l’obiettivo attraverso cessioni minori. La cessione di Icardi, quindi, avverrà dal primo luglio in poi, quando i ricavi provenienti dalla stessa potranno essere inseriti nel bilancio 2019-20.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già quasi 1.000 interisti!

Pinamonti: “Icardi mi ha aiutato tanto, è uno dei più completi in circolazione. Inter o Roma? Ora…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy