Mercato – Musso supera Radu: l’Inter ha l’argentino in testa per il futuro

Mercato – Musso supera Radu: l’Inter ha l’argentino in testa per il futuro

La valutazione che fa l’Udinese del proprio portiere non sarà semplice da accontentare

di Antonio Siragusano

Sotto gli occhi della dirigenza ormai da qualche stagione, Juan Musso sembrerebbe nettamente in vantaggio rispetto a Ionut Radu come guardiano del futuro della porta nerazzurra. Sebbene il portiere rumeno, girato attualmente in un prestito poco fortunato al Parma, sia l’opzione più semplice per via del cartellino già detenuto dall’Inter, è l’argentino quello che più di ogni altro scalda le preferenze della società. Per questo motivo, il club avrebbe già pensato ad una doppia strategia per assicurarsi il numero uno argentino.

Sicuramente servirà uno sforzo importante da parte dell’Inter visto che l’ultima valutazione fatta dall’Udinese nei confronti del proprio estremo difensore ammontava a 30 milioni di euro. Il club nerazzurro, dunque, potrebbe scegliere di portarlo già la prossima estate a Milano ed affiancarlo a Samir Handanovic per un primo anno di apprendistato. Oppure acquistarlo e lasciarlo in prestito un altro anno ad Udine; in questo senso, una carta importante da spendere nella trattativa con i friulani potrebbe essere quella di Radu.

Infine, come scritto sulle pagine di questa mattina da La Gazzetta dello Sport, c’è poi il capitolo legato a Daniele Padelli, titolare nel mese di febbraio per via dell’infortunio di fine gennaio di Samir Handanovic. Ha il contratto in scadenza, l’Inter potrebbe tenerlo in organico come terzo portiere. Resta da capire se prevarrà la voglio di giocare da parte del portiere, o la sua fedeltà nei confronti del club che tifa sin da bambino avrà la meglio.


Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – L’Uefa si riunisce per decidere le sorti del calcio Europeo. L’Inter programma il futuro tra i pali

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy