GdS – Scudetto 2006, ora è definitivo: il titolo rimane all’Inter. Le tappe di una storia infinita durata 12 anni

GdS – Scudetto 2006, ora è definitivo: il titolo rimane all’Inter. Le tappe di una storia infinita durata 12 anni

La Cassazione ha respinto il ricorso della Juve che chiedeva la revoca del titolo assegnato per Calciopoli

di Raffaele Caruso

Nella giornata di ieri non è l’arrivata solo l’ufficialità dell’ingresso nella società nerazzurra di Beppe Marotta: la Cassazione ha respinto infatti il ricorso della Juventus in merito all’assegnazione dello scudetto 2005/2006 finito all’Inter dopo lo scandalo calcistico di Calciopoli.

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, quello di ieri è destinato ad essere l’atto conclusivo di un capitolo feroce che più ha infiammato in questi anni le due tifoserie. Una storia iniziata nell’estate 2006 e durata per ben oltre 12 anni: i processi sportivi condannarono la Juve alla retrocessione in B, privandola degli ultimi due scudetti (2005 e 2006). Uno di questi, quello del 2006, fu assegnato all’Inter, terza classificata.

Nel 2011 il procuratore federale Palazzi, sulla base di nuove intercettazioni, stilò una relazione individuando comportamenti illeciti anche da parte dell’Inter. Caso archiviato per sopraggiunta prescrizione, esposto della Juve per togliere il titolo ai nerazzurri e dichiarazione di incompetenza da parte del consiglio federale. Ma la sentenza di ultimo grado ha parlato chiaro. Contro lo scudetto assegnato all’Inter la Juve si era rivolta, invano, prima al Tnas e poi alla Corte d’Appello di Roma che nel novembre 2016 ha respinto il ricorso dichiarando il difetto assoluto di giurisdizione statale.

LEGGI ANCHE – Marotta si presenta: oggi la prima volta ad Appiano. Cena con la squadra alla vigilia di Inter-Udinese

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

INTER, E’ IL MAROTTA DAY: IL NUOVO DIRIGENTE PRESO D’ASSALTO DAI FAN

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy