Milito: “Spero sia l’anno dell’Inter. Lautaro è un grande giocatore. Su Mourinho ed il Triplete…”

Milito: “Spero sia l’anno dell’Inter. Lautaro è un grande giocatore. Su Mourinho ed il Triplete…”

El Principe fra ricordi ed attualità: “Con Suning l’Inter ha trovato la guida che cercava”

di Daniele Najjar, @Daniele_najjar

LAUTARO E L’ARGENTINA – “Per affermarsi in nazionale ha bisogno di tempo. È chiaro che è un grande giocatore e non ho dubbi che farà molto bene con la nostra nazionale. Ha bisogno di tempo e di accumulare gare per fare più esperienza possibile. È quello di cui ha bisogno oggi. Non sarà facile affermarsi perché fortunatamente abbiamo grandi attaccanti, grandi giocatori. Abbiamo sempre avuto una grande abbondanza, soprattutto nel reparto offensivo. In realtà, mi piacciono molti attaccanti: Lautaro (Martínez), il Kun Agüero, anche il Pipita Higuaín. Anche un giocatore come Alario, che è anche un ottimo attaccante. Ce ne sono molti. Sicuramente me ne dimentico alcuni, ma ci sono molti grandi attaccanti che possono ambire al posto da titolare”.

TRIPLETE“Inter-Bayern gara più importante della carriera? Si certo. Per tantissimi motivi, per cosa significa giocare una finale di Champions League, cosa significava per l’Inter in quel momento e per me personalmente. È stata una partita senza pari. Inter-Barcellona? È stata una grande gioia per l’Inter qualificarsi per la finale dopo 45 anni. L’intero mondo interista lo voleva: i tifosi, la società, il Presidente. Un’impresa straordinaria contro quella che era la migliore squadra del mondo, con il miglior giocatore del mondo (Lionel Messi). Fu qualcosa di davvero importante”.

MOURINHO“Era fondamentale, era il nostro riferimento, il nostro comandante. Un allenatore che ci ha fornito tutti gli strumenti per conseguire ciò che è stato raggiunto quell’anno. Aneddoti? Molti. È sempre stato molto vicino ai giocatori. Un allenatore che riesce a ottenere il 100% da ognuno dei suoi ragazzi ha un valore, gestisce il gruppo molto bene. Ha avuto un anno fantastico con noi”.
SUNING“L’Inter oggi ha avuto molti cambiamenti, su tutti quello di proprietà con la partenza di Moratti. Non potrebbe mai raggiungere la stabilità di allora ed essere competitiva. Oggi con il gruppo Suning ha trovato la direzione di cui aveva bisogno. Vorrei che questo sia l’anno dell’Inter”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy