Miranda pronto a riprendersi l’Inter, troverà ancora spazio? Tra rinnovo e dubbi, il centrale brasiliano…

Miranda pronto a riprendersi l’Inter, troverà ancora spazio? Tra rinnovo e dubbi, il centrale brasiliano…

L’ex Atletico Madrid tornerà presto dalle vacanze post-Mondiale

di Antonio Siragusano

In Russia è risultato tra i migliori della Nazionale Brasiliana, sorprendendo per la grande integrità fisica a discapito dei quasi 34 anni. Adesso, Joao Miranda si ritrova sospeso tra un rinnovo che tarda ad arrivare e mille interrogativi. Da leader della selezione carioca, a prima alternativa dell’Inter in una ipotetica linea difensiva a quattro. Quello della retroguardia a tre è invece un concetto che per il momento Spalletti ha rimandato, ma pare l’unico diversivo per non scontentare nessuno. Il centrale verdeoro, tornerà comunque a disposizione della squadra ad inizio della prossima settimana, in seguito alle meritate vacanze post-Mondiale.

La proposta di prolungamento per un altro anno, come ricorda nell’edicola di quest’oggi il Corriere dello Sport, è sul tavolo da prima che cominciasse il Mondiale, adesso Miranda deve solo valutare la data del rientro in Brasile. Se la prossima estate, quando gli scadrà il contratto con l’Inter, oppure proprio agli sgoccioli della carriera. L’estate del ritorno in Champions dell’Inter è anche quella in cui Ausilio ha rifiutato la bellezza di 65 milioni – dal Manchester United – per Skriniar. Un chiaro ragionamento sulle scelte difensive, oltre che sulla volontà di blindare i gioielli più preziosi, dopo aver preso De Vrij a parametro zero dalla Lazio. Ironia della sorte, Miranda potrebbe rivedere il campo l’11 agosto contro la sua vecchia squadra, l’Atletico Madrid, nell’International Champions Cup.

LEGGI ANCHE – JOAO MARIO, L’INTER CONTA DI VENDERLO: 2 CLUB ALLA FINESTRA

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

INTER-ZENIT, LAUTARO MARTINEZ ANCORA IN GOL!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy