Moses: “Conte l’allenatore più importante per me. Milano mi piace, prevedo un grande futuro all’Inter”

Moses: “Conte l’allenatore più importante per me. Milano mi piace, prevedo un grande futuro all’Inter”

Un chiaro segnale della volontà dell’esterno nigeriano che vuole restare in nerazzurro

di Antonio Siragusano

E’ in bilico tra la permanenza a Milano e il ritorno a Londra il futuro di Victor Moses. Dopo averlo prelevato in prestito lo scorso gennaio dal Chelsea, l’Inter si è preservata la possibilità di poterlo riscattare in qualsiasi momento versando 11 milioni di euro nelle casse del club londinese. Fin qui, però, a causa dello stop del campionato l’esterno nigeriano ha avuto a disposizione pochissimo tempo per poter convincere del tutto sia Antonio Conte che i dirigenti nerazzurri. La sua volontà, comunque, sembra piuttosto chiara, come raccontato nell’intervista rilasciata sul quotidiano online The Nation.

CONTE –  “E’ stato l’allenatore più importante per me. Avere l’opportunità di lavorare di nuovo con lui è qualcosa che mi rende davvero felice. Gli ho parlato e mi ha già spiegato il progetto del club. Voglio farne parte, sono felice di essere qui. Darò il massimo e voglio aiutare la squadra. Qui c’è molta qualità, voglio dare il mio contributo in campo e divertirmi, questa è la cosa più importante”.

ESPERIENZA AL CHELSEA – “Al Chelsea appena Conte è arrivato e ha cambiato tutto. È un uomo straordinario, ha completamente cambiato il mio stile di gioco. Mi ha trasmesso lo spirito combattivo facendomi credere in me stesso, godendomi il calcio allo stesso tempo. E poi quando è arrivato quella prima stagione, abbiamo vinto il campionato, la stagione successiva abbiamo vinto la Coppa d’Inghilterra. È stata una stagione fantastica per me sotto la guida di Antonio Conte e lo rispetterò sempre per questo, è un uomo fantastico. Non avevo mai giocato quella posizione prima. Quando il tecnico è arrivato, mi ha parlato e poi mi ha messo lì. È stato bello avere il suo supporto, mi ha dato la sicurezza di andare in campo ed esprimermi al meglio. Volevo solo scendere in campo e giocare per lui, i tifosi e la squadra. Non l’ho deluso”.

INTER –“Ho capito che giochi meglio con un allenatore che crede in te ed è quello che Conte ha fatto per me. Ho giocato tre partite ed è stato meraviglioso. Mi sento già meglio. Prima dello stop ho giocato tre partite. Ho iniziato da titolare la partita in trasferta con l’Udinese e abbiamo vinto 2-0. Stiamo giocando per il bene della squadra. Il campionato italiano non è facile, è molto tattico. È importante per me mettermi al servizio della squadra e dei miei compagni di squadra, ma l’allenatore è stato di enorme aiuto. Mi dice cosa fare e cerco di ricordare e seguire la maggior parte delle sue istruzioni. È uno dei migliori manager al mondo. Ha giocato a calcio da solo e ha molta passione. Sono molto felice di lavorare di nuovo con lui. “

MILANO – Vorrei ringraziare tutti per l’accoglienza che mi è stata data, non vedo l’ora di tornare in campo. Milano è una bella città, mi è piaciuto quello che ho visto fino ad ora. Penso che mi divertirò qui e avremo un grande futuro insieme. Ho delle sensazioni positive”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Eto’o ricorda il Triplete, Mertens più vicino. Il punto sui riscatti di Icardi e Perisic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy