Niente Serie A in chiaro, Codacons contro la Lega: “Una decisione che danneggia milioni di italiani”

Niente Serie A in chiaro, Codacons contro la Lega: “Una decisione che danneggia milioni di italiani”

La Lega Calcio si è opposta alla richiesta del Ministro dello Sport Spadafora

di Davide Ricci, @davide_r22

Non verrà trasmessa in chiaro la giornata di Serie A di domani: la Lega Calcio – nella serata di ieri – ha fatto trapelare la notizia e nonostante la richiesta del Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora le partite resteranno visibili soltanto su paytv. I tifosi non potranno accedere allo stadio e dunque il Governo si aspettava una reazione da parte della Lega, soprattutto in vista di Juventus-Inter, una delle partite più seguite in Italia.

Il Codacons ha subito reagito a questa decisione minacciando un esposto alla Procura della Repubblica di Roma: “Mentre tutte le parti in causa hanno dato la disponibilità a trasmettere in chiaro in tv le partite di calcio, comprendendo la grave situazione di crisi determinata dall’emergenza coronavirus, la Lega Calcio si è opposta ad una precisa indicazione del Governo. Una decisione che non solo danneggia milioni di italiani, ma potrebbe addirittura configurare illeciti sul piano penale, e che non appare in alcun modo giustificata da ipotetici vincoli contrattuali usati come paravento dalla Lega, i quali ben potrebbero essere superati in questa situazione di forza maggiore”.


Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

ESCLUSIVA – Juventus-Inter, Cobolli Gigli: “Conte ha in mano la squadra, Sarri inadeguato. Marotta, che rimpianto!”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy