Porte chiuse, dramma Serie A: perdite per 20 milioni di euro. E se si va oltre il 3 aprile…

Porte chiuse, dramma Serie A: perdite per 20 milioni di euro. E se si va oltre il 3 aprile…

L’analisi sui conti dei club a fronte del blocco dei tifosi

di Simone Frizza, @simon29_

Al netto dell’emergenza Coronavirus, l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport propone un’analisi sui conti delle squadre di Serie A, con le conseguenze dell’imposizione delle porte chiuse da parte del governo. L’assenza dei tifosi dagli stadi, infatti, porterà una perdita stimata di circa 20 milioni di euro. Una cifra che però può aumentare ulteriormente, nel caso in cui le porte chiuse vengano prolungate oltre la deadline odierna, fissata al 3 aprile.

Il risparmio, in questo scenario, potrà arrivare dalle mancate spese di steward, vari addetti e servizi di catering – propri degli eventi che comprendono il pubblico – che ammonta a circa 3-4 milioni di euro, lasciando però il quadro ugualmente preoccupante. Inoltre, va considerato anche l’impatto dell’hospitality negli stadi: La Gazzetta spiega che “Sono quei servizi premium destinati alle aziende come i palchi, la ristorazione e l’affitto di sale. Questo tipo di contratti, a carattere stagionale, non prevede rimborsi però è chiaro che se si andasse avanti con le porte chiuse sarebbe difficile far finta di niente”.

Infine, ecco il capitolo dedicato ai rimborsi dei biglietti e della quota abbonati: la perdita, in termini monetari, non è indifferente, soprattutto per le big: per l’Inter si stimano circa 3,2 milioni di euro, vicini ai 3,5 del Milan. Per la Juventus, invece, la cifra sarà tra i 3 e i 4 milioni.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Le ultime in vista di Juventus-Inter. Niente Serie A in chiaro. Icardi promesso sposo dei bianconeri?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy