Toldo esalta l’Inter: “Conte ha dato continuità, sono felicissimo per la squadra. Bisogna ricalibrare il VAR”

Toldo esalta l’Inter: “Conte ha dato continuità, sono felicissimo per la squadra. Bisogna ricalibrare il VAR”

L’ex portierone nerazzurro: “Perché scelsi di fare il secondo all’Inter? Sentivo che avremmo potuto vincere qualcosa”

di Simone Frizza, @simon29_

Intervenuto ai microfoni di Rai Radio 1, l’ex portierone dell’Inter Francesco Toldo è stato intervistato per parlare anche della squadra attuale, magistralmente gestita da Antonio Conte che l’ha portata in testa alla classifica e a giocarsi il passaggio del turno in Champions League domani sera, contro il Barcellona. Ecco le sue parole.

Fare il secondo – “Non volevo spostare la famiglia da Milano, e poi sentivo che avrei potuto vincere con l’Inter. Quindi ho accettato il ruolo ed alla fine è andata bene”.

Nuova Inter – “Noto una voglia di mantenere il possesso della palla e di attaccare notevole. I due attaccanti sono sempre vicini, presenti e pericolosi. In particolare l’ultima partita contro la Roma ci stava la vittoria, e non lo dico perché tifo Inter. Mirante è stato straordinario e la squadra di Fonseca è stata molto quadrata e difficile da superare. Lazio-Juventus invece è stata più aperta e piacevole. Sono felice per l’Inter, che dopo anni di rimescolamenti e di cambi societari ora c’è stabilità. Conte, che a me piace tantissimo, sta dando continuità e sta dimostrando il suo valore. Manca ancora qualcosina, degli assestamenti: sicuramente a gennaio la società comprerà, e penso che fare da antagonista della Juve ci sia solo l’Inter, adesso”.

Buffon secondo alla Juventus – “Per quanto riguarda me è stato un accettare il ruolo e mettersi a disposizione della squadra. A quel tempo l’Inter aveva 18 titolarissimi, era una sorta di Nazionale. Buffon ora fa il secondo, credo abbia anche delle prospettive societarie e sono discorsi che appartengono a lui. Per fare quel ruolo bisogna sentirselo, io rimpianti ne ho ma ho avuto una carriera stupenda tra Fiorentina, Inter e Nazionale”.

Qualità – “Sicuramente la qualità delle rose è salita rispetto a qualche anno fa, le società hanno mostrato di saper spendere per migliorare. Ora la moviola, il VAR e le telecamere riprendono tutto, quindi i difensori non possono più intervenire in maniera dura come una volta. Bisogna solo ricalibrare la VAR: per me è un elemento positivo, tutti gli sport hanno un elemento tecnologico, va aiutato l’arbitro a perseguire gli obiettivi che anche lui ha”.

Falli di mano – “Se la palla ti rimbalza addosso e ti va sulla mano è involontario, perché il giocatore non vuole prendere un vantaggio. Se invece cerca il pallone allora sì, è da fischiare”.

Fiorentina – “Cosa manca? Non sta attraversando un bel periodo, Montella sta facendo un lavoro con quello che ha. Mi dispiace che siano in difficoltà, non è la prima volta che rischia. Secondo me c’è un fattore societario. È la mia partita, però prima c’è Inter-Barcellona. Passano tutte le italiane? Me lo auguro, anche perché ai miei tempi le italiane erano come le inglesi di adesso. C’era la sicurezza di arrivare almeno ai quarti”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.520 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Verso Inter-Barcellona: venerdì incontro di mercato, per la partita ampio turnover di Valverde. Emergenza per Conte

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy