off topic

Le stelle del calcio con la passione per il gioco

Al di là del calcio, c’è chi ama i videogames, chi si dà al collezionismo, chi ha una predilezione per il cinema e chi per la musica

Martina Napolano

Anche se sembrano irraggiungibili, i calciatori sono esseri umani come tutti quanti noi. Con i loro momenti di gioia e di sconforto, i loro pregi e i loro difetti, e naturalmente le loro passioni. Al di là del calcio, c’è chi ama i videogames, chi si dà al collezionismo, chi ha una predilezione per il cinema e chi per la musica.

Molti, però, condividono un hobby piuttosto particolare. Sedersi al tavolo da poker, giocare al casino online, puntare al blackjack e alle scommesse sportive online. Ognuno dei calciatori di cui vi parleremo in questo articolo ha la propria preferenza, ma tutti sono accomunati da una sola passione, quella per il gioco – e non stiamo parlando del calcio, o almeno non soltanto.

Radja Nainggolan

In prestito al Cagliari, Radja Nainggolan è ancora tesserato per l’Inter e potrebbe tornare alla base al termine della stagione in corso. Proprio quando era una delle colonne dell’Inter di Luciano Spalletti, il centrocampista belga fece parlare di sé per una capatina al casinò di Montecarlo.

Secondo quanto riportava il quotidiano La Stampa nel dicembre del 2018, Nainggolan aveva giocato e perso almeno 150.000 euro qualche mese prima, sul finire della preparazione atletica con i nerazzurri. Ma non tutte le gite del Ninja al casinò sono finite male.

Come ricordava Wojciech Szczesny, suo compagno di squadra ai tempi della Roma, in un’intervista risalente al 2019, una volta Nainggolan avrebbe vinto circa 200.000 euro senza quasi rendersene conto. Questo perché mentre il Ninja giocava, l’attuale portiere della Juventus si preoccupava di intascare le vincite. Ad un certo punto, Nainggolan aveva finito le fiches e pensava di aver perso tutto, quando invece aveva letteralmente sbancato il casinò.

Wayne Rooney

Un altro giocatore che non disdegna passare il suo tempo libero al tavolo da gioco è  Wayne Rooney. L’ex attaccante del Manchester United, che oggi ricopre il ruolo di giocatore e aiuto-allenatore nel Derby County, è un grande appassionato soprattutto di roulette e blackjack.

In carriera, Rooney ha vinto cinque Premier League, quattro coppe di Lega inglese, sei community Shield, una Coppa d’Inghilterra, una Champions League, una coppa del mondo per club e una Europa League, tutte con la maglia dei Red Devils. Dopo un’esperienza nel calcio americano, tra le fila del DC United, nel gennaio di quest’anno l’ex centravanti della nazionale inglese è tornato in patria, dove presumibilmente chiuderà la carriera.

Arturo Vidal

Arturo Vidal, centrocampista della nazionale cilena e del Barcellona, è un amante dei piaceri della vita. Anche a Torino, la stampa lo accusava spesso di non seguire propriamente uno stile adatto ad un atleta, tra grigliate di carne e feste con gli amici, ma il suo rendimento sul campo non ne ha mai risentito.

Passato al Bayern Monaco, Vidal fu sorpreso a giocare al Casinò di Monticello durante una delle pause del campionato tedesco per le nazionali. Il cileno aveva ricevuto il permesso dal ct della nazionale Pizzi, ma la notizia non passò inosservata… anche perché lo stesso calciatore non fece praticamente nulla per tenere nascosta la propria identità.

Thomas Brolin

Chiudiamo con un calciatore del passato, che ha fatto la storia della sua nazionale, la Svezia, e del mitico Parma di Nevio Scala: Thomas Brolin. A differenza degli altri calciatori di cui abbiamo parlato, Brolin ha una particolare predilezione per il gioco del poker, nella sua specialità del Texas Hold’em.

Una passione che lo svedese ha cercato di portare oltre al semplice hobby, provando a lungo la strada addirittura del professionismo. Pur avendo ottenuto qualche buon risultato nei principali tornei internazionali, Brolin non è mai riuscito davvero a sfondare con le carte in mano.

tutte le notizie di