GdS – Victor Moses stregò Conte a Pasadena: il retroscena sull’amore sbocciato nel 2016. Ora l’Inter…

GdS – Victor Moses stregò Conte a Pasadena: il retroscena sull’amore sbocciato nel 2016. Ora l’Inter…

Ieri le visite mediche e la firma, oggi attesa l’ufficialità del secondo colpo nerazzurro

di Raffaele Caruso

Sarà Victor Moses il secondo acquisto della campagna invernale dell’Inter: in attesa dell’ufficialità che dovrebbe arrivare a ore, La Gazzetta dello Sport traccia l’identikit dell’esterno nigeriano di proprietà del Chelsea in arrivo a Milano.

Contratto di tre anni a mezzo a 2,5 milioni di euro a stagione, arriva all’Inter in prestito con diritto di riscatto a 12 milioni. Un acquisto fortemente sponsorizzato da Conte dopo l’esperienza vincente condivisa insieme al Chelsea. La Gazzetta rivela un retroscena che risale all’estate del 2016: dopo l’Europeo, Conte passa al Chelsea e a luglio il tecnico sfrutta l’assenza dei big per dare un’occhiata ai giovani e alle seconde linee. Conte è letteralmente stregato da Moses in allenamento, tanto da rivolgersi così al suo staff: ”Questo ragazzo ha enormi qualità. Mi piace”

Il nigeriano gioca le prime due amichevoli contro il Rapid Vienna e del 20 contro il WAC Pellets, il tecnico decide di schierarlo anche contro il Liverpool di Jurgen Klopp nell’esordio dell’International Champions Cup. È lui la sorpresa della pre season, l’incontro con Conte cambia carriera e vita a Victor: con il tecnico italiano vivrà un biennio importante. Moses darà il meglio di sé, ricambiando la fiducia concessa da Conte.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE MERCATO – Atteso il rilancio per Eriksen, Gabigol-Flamengo entro il fine settimana. Il Barcellona non molla Lautaro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy