FOCUS – Una vita da Moratti, i 30 momenti che hanno segnato la sua presidenza all’Inter. [Parte 2]

di

11. ROMA, 12 APRILE 2000 – In una gara di Coppa Italia contro la Lazio si infortuna gravemente Ronaldo che era appena rientrato da un lungo stop. Starà fuori dai campi per oltre un anno, per il Fenomeno e per la sua squadra è notte fonda. 12. REGGIO CALABRIA, 1 OTTOBRE 2000 – E’ il caos più totale all’Inter. Dopo una stagione senza successi Lippi viene confermato e inizia la successiva perdendo la Supercoppa Italiana contro la Lazio e soprattutto fallendo l’accesso alla Champions League contro i modesti svedesi dell’Helsinborgs. La goccia che fa traboccare un vaso già colmo si ha all’esordio in campionato a Reggio Calabria dove i nerazzurri perdono ancora. Lippi esplode dicendo che nei panni di Moratti manderebbe via l’allenatore e appenderebbe i giocatori al muro prendendoli a calci nel fondoschiena (diversa l’espressione utilizzata da Lippi nell’occasione). Società e giocatori gli danno il benservito, la stagione è andata a rotoli prima ancora di entrare nel vivo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=TXcd11yMbi0[/youtube]

13. MILANO, 11 MAGGIO 2001 – Nel derby l’Inter di Tardelli viene travolta per 6-0, è probabilmente il punto più basso di tutta la gestione Moratti. 14. MILANO, 12 DICEMBRE 2001 – Dopo tre anni orribili sul campo la squadra viene affidata a Cuper e la squadra vola in campionato. Ma il 12 dicembre del 2001 una triste notizia addolora squadra, società e tifosi nerazzurri: muore Peppino Prisco. Un uomo che non solo ha rappresentato l’Inter ma soprattutto l’interismo lascia un vuoto che mai più verrà ricucito da nessun’altra personalità. 15. ROMA, 5 MAGGIO 2002 – Al termine di una stagione bellissima i nerazzurri all’Olimpico hanno nelle mani la possibilità di vincere dopo 13 anni lo scudetto. Dopo essere passati due volte in vantaggio però si sgretolano e vedono sfumare il titolo in uno dei giorni passati alla storia del calcio italiano. L’amarezza più grande sul campo, un vero e proprio dramma per tutto il popolo nerazzurro. 16. MILANO, 13 MAGGIO 2003 – Nella semifinale di ritorno di Champions League i nerazzurri vengono eliminati dal Milan dopo un doppio pareggio, è la beffa delle beffe. Tanti anni di sforzi non solo economici non conducono ad alcuna vittoria, anche la sorte sembra aver le spalle voltate a Moratti. 17. MILANO, 20 GENNAIO 2004 – Dopo nove anni caratterizzati da molte più amarezze che gioie, Moratti lascia la presidenza e l’affida a Giacinto Facchetti. 18. MILANO, 16 GIUGNO 2005 – Dopo sette anni senza nemmeno un trofeo la nuova Inter di Mancini torna alla vittoria. La Coppa Italia è sua, è l’inizio di un nuovo grande ciclo. 19. ITALIA, 2 MAGGIO 2006 – Scoppia lo scandalo di calciopoli. La Juventus finisce in B e l’Inter si vede assegnata a tavolino lo scudetto dell’anno precedente, è un anno di svolta per tutto il calcio italiano. 20. MILANO, 4 SETTEMBRE 2006 – E’ il giorno più triste per Moratti e per tutta l’Inter, muore infatti il presidente Giacinto Facchetti. E’ lo stesso Moratti ad assumere la presidenza al suo posto ma da allora la memoria di Facchetti verrà ricordata ad ogni evento importante. Già, perché il bello sta per venire.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ULTIMA PARTE >>>>>>>>>>> ULTIMA PARTE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy