Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

Calciomercato Inter

Chi è Calhanoglu e come può inserirsi nell’Inter di Simone Inzaghi

Hakan Calhanoglu, Getty Images

Il calciatore arriverà in nerazzurro a parametro zero

Raffaele Digirolamo

CHI È CALHANOGLU

—  

Il primo grande colpo di mercato dell'estate nerazzurra sarà quello relativo ad Hakan Calhanoglu: il centrocampista arriverà a parametro zero dopo la fine del suo contratto con il Milan. Nella giornata odierna stanno emergendo i primi dettagli su quello che sarà il contratto del turco, che firmerà un triennale con la Beneamata a cinque milioni di euro più bonus legati alle prestazioni.

 Hakan Calhanoglu, Getty Images

Ma che tipo di calciatore è Calhanoglu e come potrà inserirsi nello schema tattico pensato da Simone Inzaghi? Scoprilo scorrendo le schede.

LA PRESENTAZIONE DI CALHANOGLU --->

LA CARRIERA ED I NUMERI

—  

Hakan Calhanoglu è nato a Mannheim, in Germania, l'8 febbraio del 1994, ma ha sempre giocato nella Nazionale turca, con cui ha disputato anche l'ultimo Europeo. Cresciuto nelle giovanili del Karlsruher SC, squadra con cui ha debuttato fra i professionisti nella seconda serie tedesca.

 LEVERKUSEN, GERMANY - JANUARY 28: Hakan Calhanoglu of Bayer Leverkusen gestures during the Bundesliga match between Bayer 04 Leverkusen and Borussia Moenchengladbach at BayArena on January 28, 2017 in Leverkusen, Germany. (Photo by Lars Baron/Bongarts/Getty Images)

Con la squadra che l'ha lanciato fra i grandi, nel complesso, ha disputato cinquantacinque partite con ottimi risultati: le statistiche parlano infatti di 17 gol ed altrettanti assist. Numeri importanti, che hanno attirato l'attenzione dell'Amburgo, compagine che l'ha acquistato nell'estate del 2013 ed in cui ha disputato una sola stagione, realizzando undici gol e cinque assist.

Poi il passaggio al Bayer Leverkusen, società con cui è avvenuta la decisiva esplosione. In 115 presenze con la casacca del club, il turco ha realizzato 28 gol e 29 assist. Poi il trasferimento al Milan, avvenuto nel 2017: in rossonero il suo rendimento è stato più altalenante, ma il calciatore ha comunque messo a segno 32 reti e 48 assist in 172 incontri.

COME SI INSERISCE NELL'INTER DI INZAGHI --->

L'UTILITÀ TATTICA DI CALHANOGLU

—  

Come può inserirsi Calhanoglu nello schema tattico dell'Inter di Simone Inzaghi? Negli ultimi anni il fantasista s'è contraddistinto per la varietà di ruoli in cui è stato impiegato. Con addosso la maglia rossonera, infatti, ha giocato sia largo a sinistra nel tridente, sia nei tre di centrocampo e sia sulla trequarti. È soprattutto in quest'ultimo ruolo che il calciatore s'è contraddistinto mettendosi in mostra nello schema tattico di Stefano Pioli, trovando quella continuità che non aveva mai avuto nelle stagioni precedenti a Milano.

Hakan Calhanoglu, Getty Images

C'è una statistica che fotografa l'importanza avuta da Calhanoglu in stagione, ed è quella relativa ai passaggi chiave: con tre a partita, è stato per distacco il migliore calciatore della Serie A in questo ambito, ben davanti a Luis Alberto (secondo a quota 2.4). Questo perché dato il suo ruolo particolare, dietro le punte, ha sempre avuto la capacità di aprire spazi per i compagni, muovendosi al meglio fra gli spazi.

Un'occhiata alla sua heatmap mostra come il calciatore nell'ultima stagione abbia spaziato da destra a sinistra per tutta la trequarti, portando palla per far spiovere palloni in area in direzione dei compagni di squadra. Nell'Inter di Simone Inzaghi gli toccherà con ogni probabilità un compito diverso, dato che dovrebbe partire occupando la posizione di mezz'ala sinistra che nella passata stagione era occupata da Christian Eriksen e che in biancoceleste ricopriva Luis Alberto.

Pur con caratteristiche diverse, il ruolo del turco può essere assimilato a quello del centrocampista spagnolo, anche se la falcata tra i due è diversa e le caratteristiche non del tutto simili. Rispetto ad Eriksen, il calciatore potrebbe partire qualche metro più avanti, con il compito di portare palla e far transitare i palloni verso il reparto offensivo. Dando anche il contributo in fase difensiva, caratteristica che spesso non risulta agli onori delle cronache ma che è senza dubbio importantissima.

tutte le notizie di