Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

CALCIOMERCATO INTER

Mercato – Proposto Jovic, ma c’è il problema ingaggio: le possibili soluzioni

Luka Jovic, Getty Images

Il calciatore, ora all'Eintracht Francoforte, è di proprietà del Real Madrid

Lorenzo Della Savia

Il dato in più, su cui occorre ragionare, è che Steven Zhang sia in Italia: perché è solo in quest'ottica che il totonomi di mercato che sta cominciando - e che è già cominciato da qualche settimana - assume un certo significato reale. Come a dire: da oggi si comincia a fare sul serio, da oggi si comincia a capire veramente cosa possa o non possa fare l'Inter nella prossima sessione di mercato. Oggi, insomma, si comincia a capire quanti soldi ci siano o non ci siano nelle casse della squadra nerazzurra, e quanti possano essere spesi sul mercato.

Ed è appunto in quest'ottica che va valutato anche l'accostamento di mercato - tra i tanti - che Tuttosport ha proposto in mattinata: stiamo parlando di quello che vedrebbe in orbita Inter il nome di Luka Jovic, attaccante del Real Madrid attualmente in prestito all'Eintracht Francoforte. Un calciatore che è stato proposto - pare -, e che al club nerazzurro sembra pure piacere: il problema, però, è la sostenibilità economica di un simile affare, a partire dal solo ingaggio che ammonterebbe a 5 milioni annui per un calciatore che, con ogni probabilità, si accomoderebbe in panchina dietro a Lukaku e Lautaro Martinez.

L'Inter, in ogni caso, non pare intenzionata a scartare la pista a priori: dalla Spagna, Defensa Central riferisce della possibilità di portare a Milano il calciatore in prestito, per poi eventualmente ridiscuterne il futuro nell'estate del 2022. Altre ricostruzioni, invece, parlerebbero dell'uscita di Arturo Vidal come strategia per l'ingresso di Jovic: il cileno piace, tra le altre, all'Olympique Marsiglia, mentre l'attaccante serbo sarebbe la quarta soluzione offensiva per Conte, che, quest'anno, in quanto ad alternative, ha potuto contare sul solo Sanchez. Pochino, se si vuol crescere anche in Europa.