INDISCREZIONE PI – Rinnovo Lautaro, le richieste dell’entourage e la posizione dell’Inter: nodo clausola e ingaggio

INDISCREZIONE PI – Rinnovo Lautaro, le richieste dell’entourage e la posizione dell’Inter: nodo clausola e ingaggio

Tutto quello che c’è da sapere sull’incontro che si è tenuto qualche giorno fa in sede con l’entourage del Toro

di Redazione Passione Inter

“Lautaro Martinez se queda”. Il Toro è destinato a rimanere in nerazzurro almeno per un’altra stagione. Salvo clamorosi colpi di scena che però non dovrebbero esserci: il Barcellona è in una situazione economica difficile, tentativi last minute da qui a fine mercato sono per ora da escludere. Mentre arrivano smentite continue sull’ipotesi Real Madrid.

Secondo quanto raccolto dalla redazione di Passione Inter, nell’incontro che si è tenuto qualche giorno fa nella sede nerazzurra con gli agenti di Lautaro Martinez si sono gettate le basi per il rinnovo di contratto.

La posizione dell’entourage del Toro è chiara: Lautaro merita un’ingaggio da top player, vicino alle cifre guadagnate da Eriksen, Lukaku e Sanchez. Per questo gli agenti partono da una valutazione di 7 milioni di euro. 

L’Inter al momento è ferma a quota 5, si tornerà a discutere della pratica rinnovo dopo la chiusura del mercato. L’obiettivo di Marotta e Ausilio è quello di arrivare al rinnovo anche se resta vivo il nodo della clausola.

La volontà dell’Inter è quella di eliminarla ma è possibile che venga ritoccata e superi i 110 milioni di euro attuali. La sensazione è che in base a quello che sarà l’accordo sulle cifre dell’ingaggio si capirà il futuro di Lautaro.

Se il Toro rinnoverà a 5 milioni di euro,  è possibile che  strappi una promessa e lasci l’Inter tra un anno. Possibile che Inter ed entourage trovino un accordo a metà strada sui 6 milioni di euro, in attesa di un possibile ritorno di fiamma del Barcellona tra un anno.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy