Accadde Oggi – 110 anni fa, l’esordio dell’Inter nell’anno del primo Scudetto: non fu una gran partita

Accadde Oggi – 110 anni fa, l’esordio dell’Inter nell’anno del primo Scudetto: non fu una gran partita

I nerazzurri cominciarono male, con un punto in tre partite

di Lorenzo Della Savia, @loredstweet

Il campionato di Prima Categoria 1909-1910 fu il primo, vero, campionato italiano di calcio: non nel senso ufficiale del termine – la Federazione Italiana del Football organizzò il suo primo campionato, comprensivo solo di semifinali e finale, già nel 1898, e vinse il Genoa – ma fu, se non altro, il primo campionato che si disputò con un girone all’italiana, nel modo in cui ancora oggi noi lo conosciamo: le edizioni tra il 1898 e il 1908, infatti, si giocarono tutte con formule che prevedevano gironi eliminatori locali e poi una fase ad eliminazione diretta. Sino, appunto, all’edizione 1909-1910: il secondo campionato della storia dell’Inter, il primo della storia a girone unico nonché il primo ad essere organizzato dalla FIGC per come la intendiamo oggi. E, ultimo ma non ultimo, il primo campionato vinto dall’Inter nella sua storia.

La marcia dell’Inter cominciò proprio oggi, il 7 novembre, ma di 110 anni fa: fu un’Inter-Ausonia ad aprire un campionato che sarebbe stato dominato dall’Inter e dalla Pro Vercelli, che in quel momento della sua storia aveva già vinto due Scudetti e – da campione in carica – si preparava ad appuntarsi anche il terzo titolo. Ci andò vicina, in verità: perché al termine della stagione Inter e Pro Vercelli terminarono il campionato a pari punti (25), e a trionfare non furono i piemontesi solamente per dei vizi nel regolamento che non consegnava la vittoria a chi avesse prevalso negli scontri diretti (i vercellesi vinsero 1-4 a Milano e persero 1-2 a Vercelli, dunque avrebbero prevalso loro) e nemmeno a chi vantasse la miglior differenza reti (anche qui, vercellesi in vantaggio +31 a +29). Si decise tutto con uno spareggio, giocato a Vercelli: vinsero i nerazzurri 3-10 (erano altri tempi) e festeggiarono il primo campionato di sempre.

Ma stavamo parlando dell’esordio dei nerazzurri in quel campionato: un esordio che non fu certo dei migliori, anzi: fu abbastanza deludente, a conti fatti, e che, sempre a conti fatti, avrebbe potuto pesare non poco in termini di classifica finale. A Milano, sul campo dell’Inter (che disputava le sue gare tra il campo di Ripa Ticinese e l’Arena Civica) andò in scena, come detto, quel benedetto Inter-Ausonia. A posteriori, un testacoda: perché i nerazzurri conclusero l’annata al primo posto con 25 punti in classifica, mentre l’Ausonia finì per rivestire il ruolo di fanalino di coda con venti punti in meno rispetto all’Inter: 5 punti, frutto di altrettanti pareggi, e zero vittorie. Ebbene, l’Inter – contro un avversario tanto scalcagnato – riuscì a perderne, di punti: lo fece proprio all’esordio, lo fece proprio quel 7 novembre 1909: la gara inaugurale della stagione di Virgilio Fossati e compagni finì 2-2, con i gol di Engler e Cadoni che non bastarono ad avere la meglio sui modesti avversari, trascinati dalla doppietta di Scanagatta.

Fu una miseria, e fu l’intero inizio campionato a rivelarsi avaro di risultati: una settimana dopo, sarebbe arrivata una sconfitta per 2-0 contro la Juventus (doppietta di Borel), e, una settimana dopo ancora, lo scivolone casalingo in rimonta contro la Pro Vercelli. Fu un filotto di 11 vittorie consecutive, interrotto da una sconfitta contro il Genoa (4-0) e da un’ultima vittoria contro il Torino (7-2) a mettere i nerazzurri in condizione di arrivare primi in campionato a pari punti con la Pro Vercelli: e a vincerlo, quel campionato, dopo un prologo che sembrava dare sbocco su un’intera annata di carestie.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Borussia-Inter: the day after. Tramezzani IN ESCLUSIVA. Dubbi sul futuro di Gabigol

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy