Accadde Oggi – 18 luglio 1942: nasce Giacinto Facchetti, simbolo ed eterno capitano dell’Inter

Oggi, 18 luglio, Giacinto Facchetti avrebbe compiuto 78 anni. Vestì la maglia dell’Inter per 18 lunghe stagioni e divenne poi presidente nel 2004, diventando il primo ex calciatore nerazzurro a rivestire tale carica dirigenziale

di Alexander Ginestous, @AGinestous

“Calciatore, dirigente, presidente. Una vita dedicata ai nostri colori. Ma Giacinto Facchetti è stato molto di più. Esempio di integrità morale, di onore e lealtà sportiva. Leggenda del calcio nazionale ed internazionale, simbolo dello stile nerazzurro, dentro e fuori dal campo”. Con queste parole, ormai cinque anni fa, l’Inter decise di ricordare la figura di Giacinto Facchetti, eterno capitano e bandiera nerazzurra, scomparso nel 2006. Oggi, 18 luglio 2019, sarebbe stato il suo 78° compleanno (nacque nel 1942 a Treviglio), e chissà che non lo avrebbe festeggiato in nerazzurro, magari con un ruolo in società.

Società con cui ha vinto tutto nella sua lunga carriera, prima da giocatore (terzino con il vizio esagerato del gol) e poi come presidente: 5 Scudetti, 3 Coppe Italia, 2 Supercoppe Italiana, 2 Coppe dei Campioni e 2 Coppe Intercontinentali in totale. Da calciatore ha vestito la maglia dell’Inter per 18 lunghe stagioni, segnando letteralmente un’epoca, scendendo in campo 639 volte e realizzando 76 reti. Di questi, 56 sono stati segnati in Serie A (peraltro tutti su azione) e ancora oggi è un record assoluto per un difensore. La sua confidenza con l’azione offensiva era tale che Helenio Herrera lo schierò in alcune occasioni come centravanti, salvo poi accorgersi che il giocatore dava il meglio di sé da fluidificante. Divenne Presidente dell’Inter nel 2004, dopo una lunga gavetta (anche con la Nazionale) e le momentanee dimissioni di Massimo Moratti. Fu l’unico ex calciatore dei nerazzurri a rivestire tale carica dirigenziale, mantenendola fino alla morte, il 4 settembre 2006.

Elegante, corretto, professionale, simbolo di sport, e modello di moralità e lealtà: questo era Giacinto Facchetti per il calcio italiano e per l’Inter. E allora tanti auguri a te, Cipe, ovunque tu sia.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Le PAGELLE di Inter-Brescia 6-0: Sanchez on fire, Moses in versione turbo. Bene i cambi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy