Accadde Oggi – 21 settembre 1997: Inter-Fiorentina 3-2, partita batticuore e fantastica rimonta! E per Ronaldo…

Moriero e Djorkaeff rimontano il vantaggio dei viola consegnando agli uomini di Simoni un’importantissima quanto sofferta vittoria

di Andrea Ilari

Una grande serata per Pagliuca, la Fiorentina che colpisce due traverse e un palo. Basterebbero queste semplici annotazioni a raccontare una gara giocata praticamente a senso unico, quasi a non trovare spiegazione alla lettura del tabellino finale. Inter-Fiorentina del 21 settembre 1997 è stata una partita vera, sofferta, contro un avversario difficile, pieno di talento. Una gara da Pazza Inter che, seppur per larghi tratti dominata, resiste e mostra tutto il proprio spirito, rimanendo in piedi e colpendo al momento giusto.

Una partita che assume una valenza particolare sia per la modalità con la quale è stata vinta dai nerazzurri – in una stagione che rimarrà a suo modo storica per tutti i tifosi e il mondo Inter – sia perché il 21 settembre 1997, rappresenta la data del primo gol di Ronaldo di fronte al pubblico di S. Siro, al popolo interista. Una rete che arriva al 44esimo minuto, rompendo di fatto l’assoluto dominio della Fiorentina. Vantaggio che durerà solo qualche istante, con l’Inter riacciuffata da Serena a pochissimi secondi dallo scadere della prima frazione di gioco.

Con l’inizio della ripresa il copione non cambia, Rui Costa e Cois dominano il centrocampo e Batistuta e Oliveira creano il panico davanti a un Pagliuca in versione paratutto. Sarà proprio l’attaccante argentino a portare la Viola al meritato vantaggio. Partita conclusa? Niente affatto. È proprio in questo momento che la fortuna e lo spirito dell’Inter si coalizzano per regalare un’enorme gioia a tutti i tifosi nerazzurri. Prima Moriero al 72esimo e poi Djorkaeff, dieci minuti dopo, faranno esplodere S. Siro: 3 punti all’Inter e irrefrenabile soddisfazione.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy